Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1489
COMISO - 11/02/2011
Attualità - Comiso- Forte denuncia sul degrado della piscina

Pd: «Nuotare costa troppo, ma la piscina è sporca»

L’acqua è diventata verde e ci sono sospetti di carenza di condizioni igieniche
Foto CorrierediRagusa.it

Inquietanti alterazioni cromatiche nell’acqua della piscina comunale di Comiso (foto). Gli utenti cominciano ad avere seri sospetti sulle condizioni igienico sanitarie. Lo dichiara il gruppo consiliare del Pd. «L’ormai irreversibile degrado che investe Comiso da qualche anno a questa parte – dichiarano gli 8 consiglieri - non poteva, come avevamo più volte denunciato, risparmiare uno degli impianti più apprezzati della nostra città: la piscina comunale. Costi maggiorati, attrezzature logore e pericolose, condizioni igieniche altalenanti, chiusure improvvise e preoccupanti zone d’ombra hanno trasformato in un incubo amaro uno dei servizi un tempo più amati dai comisani».

Secondo il Pd oggi però la situazione appare ai limiti dell’insostenibile. Dall’8 febbraio l’impianto è chiuso ufficialmente per manutenzioni in corso. Sempre secondo i consiglieri, i costi continuano a lievitare con aggiunte successive: oggi ad esempio per il nuoto libero (28 euro mensili nell’era pre Alfano) si spendono 50 euro mensili cui aggiungere 25 euro di iscrizione e le new entry 5 euro per il badge di accesso, 10 euro mensili per gli asciugacapelli, 2 euro per la chiave dell’armadietto. Per lunghe fasce orarie della giornata gli spogliatoi sono privi di personale per la pulizia e il controllo, situazione pericolosissima in caso di malori occasionali che potrebbero colpire gli utenti al termine di una sessione. Le attrezzature testimoniano il degrado dell’impianto: le corsie, logore e danneggiate al punto da procurare tagli ed abrasioni ai nuotatori ne sono solo un esempio.

«Nel frattempo – continua il gruppo consiliare - assistiamo al personale del Comune che svolge attività di manutenzione ordinaria dei locali dell’impianto contro le previsioni del capitolato e dall’Amministrazione non proviene una parola per rassicurare i cittadini, che in alcuni casi hanno sottoscritto abbonamenti ben più lunghi dei tempi di affidamento al soggetto gestore, sul ripristino di condizioni accettabili in tempi brevi. Per chiarire le criticità di cui sopra ed altri punti poco chiari non solo il Gruppo consiliare del Partito democratico ha presentato una interrogazione consiliare, ma ha convocato d’urgenza la V commissione consiliare permanente per un sopralluogo ispettivo all’impianto. Non permetteremo certo, con tutti i mezzi a nostra disposizione, che un’amministrazione incompetente e irresponsabile, che ha già dichiarato di considerare la piscina comunale un lusso per la nostra città, distrugga decenni di investimenti in pochi mesi».