Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 894
COMISO - 21/12/2010
Attualità - Comiso: attività sperimentale al Liceo di Comiso

Sinergia preside, docenti e studenti sul modo di fare scuola

Lo studente Davide Scollo: «Abbiamo pensato di dare un senso costruttivo alle ore destinate alle assemblee d’istituto, perché normalmente sono spese inutilmente»
Foto CorrierediRagusa.it

Autoproposte per una scuola che vorrebbero. Iniziativa sperimentale degli studenti del Liceo Carducci (nella foto) di Comiso. I circa 600 alunni delle sezioni classica e scientifica, hanno organizzato una autentica rivisitazione del modo di fare scuola, almeno per un giorno. Loro stessi hanno ideato, proposto ed organizzato un piano di attività diverse ed alternative, da svolgere sacrificando un giorno destinato all’assemblea d’istituto.

Massima la disponibilità del dirigente scolastico, Corrado Roccaro e di tutto il corpo docente che ha lavorato gomito a gomito con i ragazzi. Tra le attività svolte, l’interdisciplina tra periodi storici e letterari che spesso non si arrivano a fare nelle normali programmazioni annuali, il ’68 rapportato alle proteste studentesche di oggi, conoscenza dei fenomeni musicali ed ascolto, proiezione di film di interesse socio – storico-culturale.

Uno degli studenti organizzatori, Davide Scollo, ha dichiarato: «Abbiamo pensato di dare un senso costruttivo alle ore destinate alle assemblee d’istituto, perché normalmente sono spese inutilmente. Tutte le classi sono aperte, cioè ogni studente ha scelto liberamente l’attività da seguire, ed in base alle scelte, si sono create delle classi. L’iniziativa non solo è stata condivisa, ma ha avuto una riuscita che è andata ben oltre le aspettative. Abbiamo trovato molta motivazione e molte idee che ci hanno aiutato in questa organizzazione che ci ha visti impegnati anche la notte. Ringraziamo il preside, ma anche i nostri professori, perché ci hanno compreso ed aiutato nella buona riuscita di queste attività».