Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1055
COMISO - 14/12/2010
Attualità - Comiso: il parlamentare regionale del Pd blocca la sua azione plateale

Matteoli firma il decreto e Digiacomo non s’incatena più

E’ stato lo stesso ministro a scrivere al deputato per annunciare d’aver firmato il dicembre il provvedimento di attribuzione a Enav spa

Digiacomo non si incatena più. A due giorni dal preannunciato incatenamento a Roma, l’onorevole Pippo Digiacomo fa un passo indietro. Ha ricevuto la risposta direttamene dal ministro dei Trasporti Altero Matteoli. Nella missiva Matteoli informa che il 3 dicembre scorso ha firmato il «provvedimento di attribuzione ad Enav spa della fornitura dei servizi di navigazione aerea presso l´aeroporto stesso, ed in pari data il decreto è stato inviato, per la controfirma, dei ministri concertanti».

La lettera, inoltre, informa che il 13 dicembre è pervenuto presso il Ministero dei Trasporti, da parte del Ministero della Difesa, «il decreto interministeriale concernente il trasferimento dei beni del demanio militare aeronautico al demanio della Regione siciliana». Alla luce di questa novità, quindi, Digiacomo ha deciso di sospendere la protesta in attesa di verificare che tutti i passaggi per la firma del decreto si svolgano correttamente ed in tempi celeri.

Digiacomo ha anche specificato che, non essendo questi dei provvedimenti parlamentari, possono essere siglati a prescindere dalla sfiducia o meno del governo e dei suoi ministri. «Colgo l´occasione- ha concluso Digiacomo - avendo letto il comunicato del sindaco Alfano, che appare ancora una volta disinformato, che il ministro Matteoli ha già firmato il decreto di attribuzione ad Enav dei servizi di navigazione aerea, pertanto non c´è nessuno «stato dell´arte» da verificare. Non perda tempo Alfano col ministro Matteoli, ma si rechi presso la sede del ministro Tremonti».

Questo il comunicato emesso dal sindaco Giuseppe Alfano: «La concertazione dei tre ministeri interessati è finalmente arrivata al punto di svolta. Nelle prossime ore dopo aver incassato il «si» degli uffici legislativi competenti, il primo dei tre decreti ministeriali, quello relativo al cambio di status e del sedime aeroportuale verrà firmato dai tre ministeri interessati».