Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 780
COMISO - 02/12/2010
Attualità - Comiso: al «Carducci» presentazione di un libro sulla legalità di Antonio Mazzeo

Un libro sulla costruzione del ponte sullo stretto

«I padrini dello stretto» scava sui presunti interessi criminali. Presenti, oltre all’autore, anche il procuratore della Repubblica Carmelo Petralia

Gli interessi criminali che ruotano attorno alla costruzione del ponte sullo stretto di Messina, è il tema dell’incontro tra gli studenti del liceo G. Carducci di Comiso e Antonio Mazzeo, autore del libro «I padrini dello stretto». Il volume sarà presentato venerdì mattina al Liceo «Carducci». L’incontro è previsto per le ore 9 e si terrà nell’auditorium della sede di via Roma dell’istituto secondario «G. Carducci».

Alla manifestazione parteciperanno lo stesso autore Antonio Mazzeo, il procuratore della Repubblica di Ragusa Carmelo Petralia e Dario Montana dell’Associazione Libera di Catania. Il libro, sulla base di una documentazione che privilegia le fonti giudiziarie, fornisce una sistematizzazione di innumerevoli denunce e indagini su presunti interessi criminali che ruoterebbero attorno alla costruzione del ponte sullo Stretto di Messina.

L’iniziativa è rivolta agli studenti delle ultime classi. «Si tratta di un’iniziativa importantissima- ha detto di dirigente scolastico Corrado Roccaro- per sensibilizzare i nostri alunni sul tema della legalità, che si affianca a numerose attività di questo genere che da anni si svolgono nella nostra scuola e che mirano a rendere i nostri alunni attenti al mondo che li circonda. Il tema proposto è attualissimo e coinvolgente e la presentazione di un libro rappresenta un nuovo modo di vivere la scuola non solo sui banchi ma in prima linea da attori. E’ anche un modo per fare crescere i nostri ragazzi e abituarli al confronto e al dialogo».