Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1210
COMISO - 17/11/2010
Attualità - Comiso: seduta consiliare improntata alla collaborazione e buon senso

Il Consiglio comunale approva la rinegoziazione dei mutui

Discussa una griglia di 75 mutui, alcuni risalenti agli anni ’80. L’assessore Raffaele Puglisi annuncia austerità: «La Regione ha ridotto del 50-60% i trasferimenti ordinari. Comuni obbligati ad aumentare le entrate»

Seduta del consiglio comunale all’insegna della collaborazione e del buon senso. Due i punti all’ordine del giorno, ma di notevole importanza: uno concernente l’urgenza della trattazione, l’altro la rinegoziazione dei mutui presso Cassa depositi e prestiti. Che sono stati approvati a maggioranza e con l’astensione dell’opposizione. Probabilmente tutti si sarebbero aspettati una seduta quanto meno animata, considerato che i numeri in Consiglio vedono attualmente una situazione di pareggio tra maggioranza ed opposizione. Invece, a causa dell’assenza del consigliere Puglisi, che da un anno è passato all’opposizione, il gruppo di maggioranza è tornato ad avere i numeri.

Il dibattito infatti ha visto 10 consiglieri di maggioranza, contro 9 di opposizione. L’assessore al bilancio, Raffaele Puglisi, ha presentato una griglia di circa 75 mutui, risalenti addirittura agli anni ’80, tra cui solo un massimo di 45 da rinegoziare, spalmandoli in 30 anni al fine di ottenere una liquidità di cassa di 350 mila euro semestrali. Ma i consiglieri hanno accolto invece la proposta del gruppo di opposizione del Pd, che ha suggerito di estinguere tutti i mutui sotto i 100 mila euro a scadenza naturale, e cioè nell’arco di 5 anni, anziché spalmarli in 30 anni, aumentandone così gli interessi.

Salvo Zago, capogruppo del Pd, ha dichiarato in aula: «Per senso di responsabilità ci facciamo carico di questa proposta dell’amministrazione, nell’interesse della comunità abbandonando gli interessi di schieramento. Ci auguriamo però che questa liquidità di cassa non venga utilizzata per spese clientelari come finora si è fatto, ma per il reale interesse della città». Il capogruppo del Pdl , Giorgio Assenza, ed i revisori dei conti, hanno espresso parere favorevole alla proposta che però, al momento del voto, ha visto l’astensione dei consiglieri di opposizione. Anche in questo caso, Zago ha spiegato: «Abbiamo fatto una proposta utile per la città, ma in linea di principio, restiamo contrari alla rinegoziazione dei mutui».

Intanto, l’assessore Raffaele Puglisi, ha comunicato che la Regione effettuerà dei tagli del 50/60 % ai comuni: «Da notizie di stampa- ha detto- si apprende che la Regione siciliana è intenzionata ad operare drastici tagli nella legge finanziaria per il 2011 agli enti locali. Se da un lato è comprensibile la necessità di improntare il prossimo strumento finanziario ad evitare spese inutili o superflue a cominciare dallo stesso apparato regionale, d´altra parte, la paventata riduzione del 50-60 per cento dei trasferimenti ordinari, unito al rigore delle legge finanziaria statale all´esame delle Camere, metterà i comuni siciliani nella impossibilità di chiudere i bilanci per l´esercizio finanziario 2011. Una così drastica riduzione dei trasferimenti non lascia alcuna scelta ai comuni che dovranno aumentare le entrate, ma non si capisce con quali tributi, e sicuramente azzerare i servizi offerti ai cittadini con le ben intuibili conseguenze negative».