Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1257
COMISO - 12/11/2010
Attualità - Comiso: convegno sabato alla sala «Bufalino» sulla disabilità

«Noi e l’oasi», nasce sportello per diversamente abili

L’associazione si prefigge lo scopo di assistere i disabili che per vari motivi sono rimasti da soli

«Noi e l’oasi. La disabilità e l’importanza dei centri satelliti». Sarà questo il tema dell’incontro previsto per sabato alla sala mostre della fondazione Bufalino. L’incontro ha anche l’obbiettivo di presentare ufficialmente l’associazione «Noi e l’oasi», e il nuovo sportello che avrà sede a Comiso. Gli scopi dell’associazione sono finalizzati a sostenere le iniziative per lo studio della diagnosi, l’impostazione dei protocolli di cura e riabilitazione, la sperimentazione di nuovi modelli di intervento e la formazione degli operatori e delle famiglie con la costituzioni di équipes itineranti a disposizione di una rete di servizi ai disabili.

L’associazione si prefigge anche di provvedere all’assistenza ai disabili, che rimangono soli per varie motivazioni. Infine, sempre tra le finalità dell’associazione Noi e l’oasi, c’è quella di realizzare dei centri di emergenza adeguatamente organizzati per i disabili assistiti in famiglia, e case famiglia per l’accoglienza temporanea. Referente dello sportello di Comiso che sarà allocato in via fratelli Kennedy, è che da sempre è stato sensibile alle problematiche della disabilità.

Alla presentazione di sabato parteciperanno Serafino Buono, direttore Unità operativa di psicologia nell’associazione di Troina, Donatella Greco dirigente medico pediatra, Vitalba Mongelli, medico psicologo, Antonio Alaimo, presidente dell’associazione di volontariato onlus «Noi e l’oasi». Apriranno i lavori, il sindaco Giuseppe Alfano e l’assessore ai servizi sociali Salvo Girlando.