Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 640
COMISO - 25/10/2010
Attualità - Comiso: rimpatriata scolastica degli ex alunni del plesso Saliceto

I ragazzi del ´69 si sono ritrovati a "tavola" dopo 41 anni

Fra di loro, Raffeele Elia, medico e presidente del Consiglio: «Tanti capelli bianchi e molte rughe, ma gli occhi sono identici a quelli di prima»
Foto CorrierediRagusa.it

Come eravamo e c’eravamo tanto amati! A parte i titoli di due famose pellicole, accade anche nella vita reale che alunni del ’69 si ritrovino dopo 41 anni. E’ accaduto di recente a Comiso, dove alcuni ex compagni di scuola elementare, abbiano fatto una rimpatriata dopo la bellezza di 41 anni.

Tra gli alunni, Raffaele Elia, oggi dirigente medico all’ospedale Regina Margherita di Comiso e presidente del Consiglio comunale di Comiso, che ha raccontato una commovente storia di amicizia e di affetto. «Da qualche anno- ha raccontato Elia - Tonino Di pasquale, allievo del compianto prof. Angelo Strada ed ex alunno della scuola elementare «Plesso Saliceto» di Comiso, aveva in mente di riunire tutta la classe. Correva l’estate 1969, noi alunni ci salutammo e, animati da buoni propositi, come sempre succede in taluni casi, ci ripromettemmo di risentirci, di rivederci o, comunque, di restare in contatto. Per alcuni di noi è stato così, complici le scelte scolastiche seguenti o gli interessi extra-scolastici che hanno contribuito a non farci perdere di vista.

Per altri i ricordi legati alle prime amicizie fiorite a scuola, favorite dalla condivisione della comune esperienza didattico-educativa, sono stati rinverditi solo da fugaci incontri casuali, per le vie del paese, accompagnati da un timido saluto, da un sorriso appena accennato, che subito si dileguava in mezzo alla folla di auto o di gente.

Con altri ancora, le possibilità di incontrarsi si sono rarefatte, in quanto essi risiedono fuori Comiso, ritornano di rado e quindi non capita facilmente di incrociarli nella quotidianità. Finalmente, dopo quasi tre anni di tentativi, siamo riusciti a organizzarci e a riunirci a pranzo. Dei 35 iscritti, solo 7 non hanno risposto all’appello.

Abbiamo trascorso una bellissima giornata, una conviviale serena ma ricca di emozioni: quale sorpresa nel rivederci cambiati, dal tempo, dagli eventi, dal proprio vissuto; quale meraviglia nello scrutare con curiosità i volti alla ricerca del passato e constatare, invece, qua e là, un capello argentato fare capolino tra i capelli o una ruga d’espressione a ricordarci che sono trascorsi quarant’anni.

Ma gli occhi no, gli occhi non mentono: abbiamo riscoperto nei nostri occhi quelli che eravamo, abbiamo ritrovato nei nostri sguardi attenti, vivaci e complici tutta la forza e la gioia di vivere che avevamo. Ci siamo lasciati con la promessa che periodicamente dobbiamo incontrarci, con la speranza che gli assenti, se non per particolari motivi, debbono partecipare alle riunioni di classe!

Nella foto in alto: Alessandrello Giovanni, Bonuomo Rosario, Campo Salvatore, Campanella Filippo, Cassibba Orazio, Dimartino Giuseppe, Dipasquale Antonino, Elia Raffaele, Furnaro Salvatore, Ganguzzi Giovanni, Giannì Salvatore, Giannì Salvatore 2, La Terra Giovanni, Latino Michele, Mallo Giuseppe, Marino Angelo, Micieli Vito, Modica Giuseppe, Occhipinti Giuseppe, Pacini Totò, Peluso Giovanni, Pignotta Salvatore, Piluso Giuseppe, Rosano Gabriele, Salmè Biagio, Santaera Salvatore, Strada Sandro, Zago Giovanni.

NELLA FOTO SOTTO LA CLASSE DEL 69. CLICCATECI PER INGRANDIRLA