Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 751
COMISO - 11/10/2010
Attualità - Comiso: l’assessore ai Lavori pubblici traccia il bilancio della sua attività

Zisa: «In 30 mesi realizzati progetti per 12 milioni»

L’amministratore della giunta Alfano si ritiene soddisfatto del lavoro svolto e annuncia che altri 9 progetti attendono di essere finanziati

A due anni e mezzo dall’insediamento della giunta di centro destra a Comiso, l’assessore ai Servizi tecnici ed ai lavori pubblici, Michele Zisa, fa un bilancio del suo operato. «Il lavoro svolto dalla nostra amministrazione, a prescindere dal risultato immediato è come la semina che da frutti dopo tempo». Zisa definisce «corposo» il lavoro di progettazione che ha avviato in questi quasi 30 mesi, ed in particolare gli ultimi.

«Nel periodo che va da giugno ad ottobre- spiega Zisa - dai nostri uffici sono stati realizzati progetti per opere pubbliche per un importo di quasi 12 milioni di euro. Quasi tutte le opere sono state progettate dai nostri tecnici, alcune integralmente, altre con il supporto di professionalità esterne». Un elenco che contiene circa 9 progetti già presentati e che aspettano di essere finanziati. Dalla pubblica illuminazione, al fotovoltaico, al rifacimento di una strada cittadina.

«Una mole di lavoro importante – conclude l’assessore - che durante il periodo estivo ha tenuto costantemente impegnate le nostre risorse, oltre ricordiamo il progetto esecutivo per la messa in sicurezza della scuola materna Monserrato, alla ultimazione dei lavori del parcheggio dell’ex arena Sicilia, alla gestione dei lavori dei locali attigui al Foyer Comunale, alla realizzazione della rotonda di via San Biagio, all’avvio del cantiere di lavoro di via Principe di Garignano, alla gestione degli appalti per le manutenzioni stradali e dei marciapiedi, alla manutenzione delle scuole, al rifacimento dei tetti degli uffici comunali e tante altre attività di cui dar conto sarebbe troppo lungo».