Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 515
COMISO - 26/09/2010
Attualità - Comiso: la paradossale vicenda dall’aeroscalo non finisce di stupire, in negativo

Mancini: "Aeroporto Comiso forse aprirà nell’autunno 2011"

Occorre un decreto interministeriale, un decreto del ministro Tremonti per adeguare le attrezzature tecnologiche, gli adempimenti che spettano a Enac ed Enav
Foto CorrierediRagusa.it

L’aeroporto di Comiso (nella foto le scale mobili) non potrà aprire prima dell’autunno del 2011. Gaetano Mancini, presidente della Sac, società socio di maggioranza della Soaco e gestore dell’aeroporto di Catania, ha gelato l’uditorio della Camera di Commercio di Ragusa nel corso del suo intervento previsto nell’ambito della commemorazione dell’ex presidente Pippo Tumino.

Di aprire Comiso ai voli non se ne parlerà prima dell’autunno 2011. Le previsioni fatte appena una settimana fa con toni ottimistici sono così tutte smentite: «Temo – ha detto Gaetano Mancini – che dovremo ancora spostare in avanti la data di apertura. Per completare tutti gli adempimenti, saranno necessari cinque-sei passaggi istituzionali e almeno otto-dieci mesi di tempo. Occorre un decreto interministeriale, un decreto del ministro Tremonti per adeguare le attrezzature tecnologiche, gli adempimenti che spettano a Enac ed Enav».

Ci sono poi i contratti da stipulare con le compagnie che programmano di stagione in stagione i loro piani operativi. Mancini ha voluto essere franco e schietto anche sulle reali intenzioni della Sac di aprire Comiso. Per il presidente non bisogna essere provincialisti ed alimentare sospetti inutili sulla Sac, in qualche modo da qualcuno giudicata "responsabile" di tutti questi ritardi. La società è difatti danneggiata, a detta di Mancini, dalla perdurante chiusura di Comiso su cui ha investito e l’aeroporto non è stato ancora consegnato dal comune.

«La Sac è la prima danneggiata – ha detto a chiare lettere Mancini- Mettiamoci subito tutti al lavoro per accelerare i tempo e realizzare l’idea di Pippo Tumino di dare alla comunità ragusana una grande occasione di sviluppo». Ed a proposito di sviluppo il presidente della Sac ha voluto smentire quanti parlano di almeno cento assunzioni per l’apertura dell’aeroporto. Non sarà così perché Comiso sarà gestito con poco personale e quindi non bisogna creare illusioni».