Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1389
COMISO - 17/09/2010
Attualità - Comiso: i liquami hanno invaso alcuni negozi

Scoppiano i tombini in corso Vittorio Emanuele

Irritati i commercianti. Il comune sta provvedendo
Foto CorrierediRagusa.it

Il corso Vittorio Emanuele allagato da liquami fognari fuoriusciti dai tombini. È stata la sgradita sorpresa riservata ai commercianti della trafficata strada del centro storico. I tombini hanno tracimato liquami fognari durante la notte, in quantità tale da infiltrarsi anche in alcuni negozi. Per circa due ore infatti, alcuni commercianti hanno dovuto provvedere a ripulire il tutto, anche se il cattivo odore è rimasto (nella foto). Notevolmente irritati, alcuni commercianti si sono recati immediatamente al municipio per cercare il primo cittadino e segnalare per l’ennesima volta il disagio. Alla fine un tecnico si è recato sul posto, per fare dei rilievi fotografici.

«E’ una situazione che diventa sempre più insostenibile – ha dichiarato un esercente da anni in questa strada – e non da ora , ma almeno da 15 anni, facciamo presente la situazione. La rete fognaria è ormai troppo vecchia e le condutture troppo inadeguate quindi non solo siamo vittime delle infiltrazioni d’acqua quando ci sono piogge forti che fanno saltare i coperchi dei tombini, ma ora anche dei liquami della fognatura». Pare comunque, che gli uffici preposti, si siano già attivati per risolvere il problema.

LA REPLICA DI ALFANO
Immediata la risposta del sindaco Giuseppe Alfano che, sebbene non si trovava in municipio, ha subito attivato la squadra di pronto intervento:

Si tratta – ha dichiarato il Sindaco Giuseppe Alfano – di una problematica, che come tante altre, ci portiamo sul groppone dal passato. Nello specifico, quando venne, anni addietro, progettata ed eseguita la ripavimentazione dell’arteria in questione, non si pensò a sostituire l’indotto fognario, che allo status «vecchio» e poco funzionale, crea oggi questa annosa situazione.

Non bisogna dimenticare come si tratti di una zona dove insistono diverse attività commerciali, alle quali stiamo tentando, con non pochi sforzi, di non far mancare il nostro apporto. Comunico - conclude Alfano - che gli uffici competenti sono già a lavoro per la redazione di un progetto, che preveda la definitiva soluzione al problema».