Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1113
COMISO - 08/09/2010
Attualità - Comiso: le reazioni alla decisione del presidente della Regione a firmare il protocollo

Lombardo: "Io sto con Silvio". Oggi si firma per l´aeroporto

Dopo le trattative di questi ultimi giorni tra Roma e Palermo la Sicilia e Comiso otterranno quello che meritano: il pari trattamento con altre regioni Italiane ed il rango di aeroporto nazionale
Foto CorrierediRagusa.it

Oggi la firma del protocollo d’intesa tra stato e regione per il passaggio del terreno smilitarizzato dell’aeroporto di Comiso. Il presidente della Regione Raffaele Lombardo ha incontrato ieri a Roma il premier Silvio Berlusconi da dx nella foto), al quale sono state poste delle perplessità in ordine ad un paio di punti specifici del protocollo, ritenuti penalizzanti per la Sicilia da Lombardo, la cui tanto attesa firma dovrà quindi essere apposta nelle prossime ore.

Si concretizzerà quindi il passaggio del terreno su cui sorge il Magliocco dallo Stato alla Regione e, successivamente, al comune di Comiso. Tornando all´incontro romano tra Lombardo e Berlusconi, il colloquio tra i due è stato proficuo e Lombardo, dopo avere ricevuto assicurazioni e garanzie sul caso Tirrenia, sui Fas e sull’aeroporto di Comiso, ha ribadito la sua vicinanza politica al primo ministro, in caso di elezioni anticipate, che, secondo il gevernatore della Sicilia, sarebbero una vera iattura. "Io sto con Silvio", ha precisato Lombardo, in riferimento ai mal di pancia di Gianfranco Fini, da tempo in rotta di collisione con il premier.

Per quanto riguarda il Magliocco, nelle prossime ore si presume che il carteggio relativo al protocollo arrivi a Palermo, dove sarà in prima persona un delegato di Lombardo ad apporre la tanto agognata firma.

NINO MINARDO A RAFFAELE LOMBARDO: "LUI CONOSCE BENE ME COME IO CONOSCO BENE LUI"
Mentre resta il "mistero" sul riferimento del presidente della Regione Raffaele Lombardo a quei politici "ansiosi di firmare il protocollo sull´aeroporto di Comiso per accontentare il loro padrone romano" (Lombardo non ha fatto nomi), il deputato nazionale Nino Minardo fa sentire la sua voce, per sgomberare il campo da equivoci e manifestare la propria soddisfazione per il superamento dello scoglio della firma del protocollo, che sancirà il passaggio del terreno smilitarizzato dove sorge il Magliocco dallo Stato alla Regione.

E così mentre Lombardo parla di "miseria", in riferimento ai "politici agli ordini dei padroni di Roma", Minardo tiene a precisare che lui conosce Lombardo così come Lombardo conosce lui. "E´ piccino e mortificante ascriversi meriti e vittorie - dice Minardo - ed io per primo rifuggo da questa «tentazione», lasciando il "piacere" a chi ha l´abitudine di appuntarsi medaglie sul petto senza possederne i meriti". Un interessante scambio di vedute sullo sfondo di un risultato comunque positivo, che dovrebbe velocizzare i tempi di apertura del Magliocco. Pubblichiamo di seguito, in maniera integrale, la nota diramata dal deputato nazionale del Pdl Nino Minardo.

Ho già ringraziato personalmente il Presidente della Regione on.le Raffaele Lombardo, per la sua decisione di dare il via libera alla firma del protocollo d’intesa che suggella il passaggio del sedime aeroportuale di Comiso dallo Stato alla Regione. Conosco bene il Presidente Lombardo, il suo spessore umano, la sua statura politica ed il suo affetto nei confronti della Sicilia e del suo sviluppo; e lui conosce bene me! Ero certo che l’Onorevole Lombardo avrebbe preso la decisione giusta di autorizzare una firma che segna la chiave di volta nell’iter burocratico che porterà, finalmente, all’apertura dello scalo. Quando si ottengono risultati di pregio così importanti, è piccino e mortificante ascriversi meriti e vittorie; ed io per primo rifuggo da questa «tentazione» (lasciandola volentieri magari a chi, evidentemente, è abituato ad «auto appuntarsi» medaglie al petto senza averne meriti) ed invece affermo convinto che è la vittoria della provincia Ragusa e della sua Gente, che vede schiudersi un grande futuro rappresentato dall’aeroporto di Comiso! Evidentemente il Governatore ha ricevuto quelle assicurazioni e quelle certezze che, al di là del contenuto del protocollo, gli sono bastate per convincerlo a firmare questa svolta epocale per il nostro territorio, superando così anche l’azione di qualche cattivo consigliere che, per trovare facile vetrina (senza capire nulla dell’argomento, della sua delicatezza e del suo contenuto ed accondiscendere alle proprie manie di protagonismo), avrà lavorato per trarre in inganno e generare perplessità. Ma ciò che conta adesso è solo la vittoria del territorio e della provincia di Ragusa, maturata grazie all’impegno unanime e forte delle sue rappresentanze e che si è determinata con la decisione comunicata ieri dal Presidente Lombardo. Circa poi la classificazione dello scalo di Comiso, il presidente dell’Enac Vito Riggio mi ha confermato già ieri sera, che essa sarà fatta a tempo e modo debito e secondo quanto previsto dalla documentazione, dagli accordi e dagli impegni presi. Da adesso in poi (come peraltro ho sempre fatto sinora, sin da quando, sull’argomento, ho compulsato il Ministero dell’Economia perché attraverso l’Agenzia del Demanio cedesse le competenze del sedime aeroportuale alla Regione e si superasse il vero scoglio della questione) ogni mio atto istituzionale e parlamentare, sarà sempre redatto solo ed esclusivamente per far piacere e il bene alla gente della provincia di Ragusa ed al territorio in cui vivo, a cominciare dalla richiesta di ampliare oltre i tre anni già previsti, i benefici economici dello Stato per l’aeroporto di Comiso. Rifuggo i «bisogni» di vetrina attraverso le pletore di comunicati stampa dai contenuti inutili e dai trionfalismi falsi e dannosi e ribadisco che dopo la decisione del Governatore, vedere atterrare o decollare un aereo dall’aeroporto di Comiso non è più solo un sogno ma una realtà sempre più vivida e reale.
Nino Minardo, deputato nazionale Pdl


IL PRESIDENTE DELLA REGIONA FIRMERA´ IL PROTOCOLLO SULL´AEROPORTO
Il presidente della Regione Raffaele Lombardo firmerà il protocollo sull’aeroporto Magliocco di Comiso. Dopo le trattative di questi ultimi giorni tra Roma e Palermo la Sicilia e Comiso otterranno quello che meritano: il pari trattamento con altre regioni Italiane ed il rango di aeroporto inserito nella rete nazionale.

La Regione Siciliana dà per sottoscritto il protocollo, ma solo alle condizioni favorevoli per il Magliocco, che, stando a quanto assicurato in queste ultime ore da Roma, non perderà il rango di aeroporto di interesse nazionale, come ribadito dallo stesso presidente della Regione nel suo blog. "Non abbiamo chinato la testa dinanzi al "padrone romano" - ha dichiarato Lombardo - ed abbiamo ottenuto che dal protocollo sparisse la voce "aeroporto d´interesse regionale"

Il Magliocco assurgerà difatti al rango di aeroscalo nazionale, com´era nei nostri obiettivi, al di la delle corbellerie di qualche politico locale - ha proseguito Lombardo - troppo ansioso di apporre la propria firma su un protocollo "porcata" solo per ossequiare il "padrone di partito". Non è così - ha concluso il governatore della Sicilia - che si fanno gli interessi di un territorio".

Al di la delle polemiche, quello che conta è che la situazione si è finalmente sbloccata visto che la Regione non aveva firmato qualche giorno fa il protocollo nella sede del ministero della difesa a Roma in assenza di determinate garanzie. Queste garanzie sono adesso una certezza e Lombardo ha finalmente accettato di firmare il protocollo, che garantirà il passaggio del terreno smilitarizzato della ex base Nato, su cui sorge il Magliocco, dallo Stato alla Regione e quindi al comune di Comiso. E, quel che più conta, grazie all´ostinazione di Lombardo, il Magliocco non sarà declassato da aeroporto nazionale a regionale. Adesso viene dunque spianata la strada per l´apertura dell´aeroscalo, le cui spese per la sicurezza per l´operatività di volo saranno a carico dello Stato, come avviene per tutti i piccoli aeroporti.

Soddisfazione è stata espressa dall´on Riccardo Minardo, secondo cui "Le resistenze del Presidente della Regione Lombardo relativamente alla firma del protocollo d’intesa per l’aeroporto di Comiso hanno portato i suoi frutti.

L’on Lombardo ha infatti ottenuto che nel protocollo sia inserito che l’aeroporto è di interesse nazionale e quindi la gestione a completo carico dello Stato. La firma avverrà la prossima settimana - dichiara l’on Riccardo Minardo - e quindi ringrazio il Presidente della Regione per la sua grande attenzione nei confronti della Sicilia tutta e nel particolare del nostro territorio per il quale si è battuto, dimostrazione è il grande obiettivo raggiunto, sottolinea che questa è la vera autonomia, questo è l’impegno concreto da portare avanti per dare risposte certe alla collettività senza penalizzazioni. Questa - ha concluso Minardo - è la dimostrazione, conclude l’on. Riccardo Minardo, del grande rispetto e correttezza che c’è nei confronti del territorio ibleo".