Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1035
CHIARAMONTE GULFI - 16/03/2010
Attualità - Chiaramonte: parla l’assessore comunale al bilancio Giovanni Noto

Chiaramonte primo comune ad aver vagliato la bozza del bilancio

Il 2010 è l’anno della revisione del Piano Regolatore Generale

"Quali novità ci riserverà il Bilancio di previsione del 2010? A ben guardare, vista la situazione in cui versa la pubblica amministrazione, è già un gran bel risultato che il Comune non ha messo la mano in tasca ai suoi cittadini per sostenere alcune spese e che i conti sono in perfetto equilibrio. Ma non solo: il 2010 è l’anno della revisione del Piano Regolatore Generale. Uno strumento urbanistico tanto atteso e che impegnerà non poco le casse comunali".

A dare certezza che la linea è tracciata è stato l’Assessore comunale al Bilancio, Giovanni Noto, che ha parlato di grande impegno del Vice Sindaco, Giovanni Nicosia, affinché la revisione del Prg fosse nell’agenda di quest’amministrazione comunale. Ancora una volta il Comune montano è stato primo in Provincia ad aver vagliato la bozza del Bilancio. Proprio alcuni giorni fa la Giunta comunale lo ha recepito all’unanimità ed ora si attende il vaglio da parte del Collegio dei Revisori dei Conti.

Subito dopo, sia il Bilancio di previsione, sia la relazione previsionale saranno trasmessi al Presidente del Consiglio comunale, Mario Bentivegna, a cui toccherà, nei termini di legge, convocare il consesso. Soddisfatto per la qualità del lavoro svolto l’Assessore al Bilancio. «Nonostante le ristrettezze finanziarie in cui versa il nostro Comune, alla stregue della stragrande maggioranza degli Enti Locali (minori e ritardati trasferimenti, maggiori oneri e competenze), ha commentato Giovanni Noto, si è riusciti ad approntare in anticipo, rispetto ai tempi dettati dalla normativa, l’atto più importante della programmazione di un’amministrazione.».