Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1129
CHIARAMONTE GULFI - 02/12/2009
Attualità - Chiaramonte Gulfi: la caserma dei militari dell’arma sfrattata dal comune

La Prefettura non paga l’affitto mensile, il sindaco Nicastro sfratta i Carabinieri

Il provvedimento esecutivo è di questi giorni. La Prefettura sarebbe morosa nei confronti del Comune di Chiaramonte Gulfi, proprietario dei locali che ospitano la caserma dei Carabinieri
Foto CorrierediRagusa.it

La legge è uguale per tutti. Se i Carabinieri di Chiaramonte Gulfi non pagano il canone d’affitto mensile, il Comune li sfratta. Ed è quello che è successo in questi giorni. Il comandante della Stazione di Chiaramonte Gulfi di via Alcanata s’è visto recapitare un provvedimento di sfratto esecutivo per morosità.

La notizia è di questi giorni. E scaturisce dal fatto che la Prefettura di Ragusa, che avrebbe l’onere di pagare il canone mensile, pare sia morosa da diversi anni. Giuseppe Nicastro, sindaco di Chiaramonte, il comune che ha affittato la sede che ospita la Stazione dei Carabinieri, stanco di aspettare, ha avviato la procedura di sfratto che è arrivata in questi giorni.

Che succederà adesso? Sarà pagato il canone? I carabinieri dovranno andare a cercare un altro locale? E nelle more cosa accadrà? Insomma, uno dei tanti pasticci all’italiana che non ci stupiscono più, anzi provocano ilarità. Possibile che un’istituzione come l’Arma dei carabinieri debba essere sfrattata come fosse un semplice inquilino delle case popolari che occupa abusivamente l’immobile senza pagare il canone mensile?