Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 933
CHIARAMONTE GULFI - 05/09/2009
Attualità - Chiaramonte: fanno ancora discutere i ritardi nei trasferimenti ai comuni

I sindaci di Monterosso e Scicli: "La Regione è incapace"

Tutto è rinviato a lunedì prossimo, e intanto gli enti rischiano di collassare dal punto di vista finanziario

Si riponevano grandi speranze nel programmato incontro tra l’Assessore regionale alla Famiglia ed alle Autonomie Locali, Caterina Chinnici, e i vertici regionali dell’Anci. Ma ogni attesa è stata delusa. L’assessore regionale, per impegni improvvisi, ha rinviato la riunione a lunedì prossimo.

Quindi, i Comuni dell’isola dovranno ancora attendere per capire quando e in che misura la Regione intenderà trasferire alle autonomie locali le risorse finanziarie tanto attese. Da ben due mesi questa situazione d’assoluta incertezza sta mettendo a dura prova anche i Comuni del ragusano. Lo aveva anticipato il Coordinatore provinciale dell’Anci e Sindaco di Chiaramonte Gulfi, Giuseppe Nicastro. Ora i Sindaci di Monterosso Almo e Scicli, Sardo e Venticinque, hanno alzato il tono della protesta, denunciando la totale incapacità della Regione di rispettare precisi obblighi di legge.

Tutto è rinviato a lunedì prossimo. Intanto l’Anci – Sicilia, ha fatto sapere che questa data non potrà più essere differita. «L’Anci Sicilia, queste le parole del coordinatore provinciale, Giuseppe Nicastro, in sintonia con le varie realtà locali, ha convenuto che se entro la data del 7 settembre non si registrassero novità di rilievo, nel senso dell’immediato trasferimento ai Comuni della II^ trimestralità del 2009, si metteranno in cantiere iniziative clamorose.

Si è anche deciso, anche, di non attendere l’esito della Conferenza Regione – Autonomie in calendario per il 9 settembre, in quanto i tempi, entro i quali definire un’intesa, provocherebbero un’ulteriore e non più tollerabile dilazione nel trasferimento delle somme dovute». Quindi niente rinvii e dilazioni. O subito i soldi o ci si dovrà attendere una vera e propria guerra nei confronti della Regione che da oltre due mesi non trasferisce la seconda trimestralità. Intanto, Giuseppe Nicastro, ha deciso, se lunedì prossimo non si sbloccherà questa vertenza, di chiamare a raccolta i Sindaci della Provincia, per valutare il da farsi, a «prescindere dalle iniziative che ci suggerirà l’Anci – Sicilia». Siamo a questo punto dietrofront ad una vera e propria emergenza istituzionale che potrà rientrare solo se la Regione non proverà ad allungare i tempi.