Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 746
CHIARAMONTE GULFI - 17/08/2009
Attualità - Chiaramonte: un successo la festa danzante della notte di ferragosto ai Giardini comunali

Il Gran Galà di Chiaramonte ha colto nel segno

Merito di un azzeccato melange tra sapori e musica
Foto CorrierediRagusa.it

Quando si parla d’estate inevitabilmente ritorna in mente la festa danzante della notte di ferragosto ai Giardini comunali. Nella sua storia quest’evento ha caratterizzato ben sessant’anni di vita, ha segnato l’esistenza di tante coppie, ha suggellato amori al chiar di luna. Il Gran Galà di Ferragosto, ha sempre regalato emozioni e piacevoli ricordi. Quest’anno ha colpito nel segno: merito di un azzeccato melange tra sapori e musica.

Le centinaia di persone, rigorosamente in abito da sera, che hanno scelto Chiaramonte Gulfi si sono trovati di fronte una variegato bouffet per la degustazione di diversi piatti tipici. Un gruppo d’emergenti chef ha fatto la differenza, presentando una tavolata bella anche a vedere. Poi e fin quasi all’alba una bella orchestra, «I Samarcanda» ha fatto il resto. Musiche di tutti i generi, in una miscellanea di suoni che ha coinvolto tutti. A dirigere l’orchestra d’undici elementi il bravo Pino Aloisi.

Il Gran Galà ha lasciato il segno. Perfetta l’organizzazione, curata dall’Assessore al Turismo, Antonella Occhipinti, che ha riservato alle centinaia d’ospiti un accoglienza impeccabile. Ancora una volta e quest’anno più che mai il Gran Galà è stato l’appuntamento «in» del bel mondo della Provincia di Ragusa. Non sono mancati alcuni ospiti di riguardo del catanese ed una coppia di vittoriosi che da oltre quarant’anni non perde questa serata di gala, accolti tutti dal sindaco Giuseppe Nicastro.

Alla fine di una lunga notte in musica tra i vialetti della splendida villa comunale, lasciare quel pezzo di vita non è stato facile. Solo le prime luci dell’alba hanno fatto ben capire che questa notte di Ferragosto era andata. A ritrovarsi il prossimo anno.