Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 1010
CHIARAMONTE GULFI - 02/02/2009
Attualità - Chiaramonte - Il sindaco Nicastro lancia un nuovo appello

Chiaramonte: tele sorveglianza cercasi

L’emergenza criminalità all’attenzione del prefetto Fanara Foto Corrierediragusa.it

Emergenza criminalità a Chiaramonte Gulfi. I problemi, mai risolti, della sicurezza dei cittadini che vivono stabilmente nelle campagne. Il sindaco Giuseppe Nicastro (nella foto), ha scritto al Prefetto, nei giorni scorsi, chiedendo un maggiore impegno delle forze dell’ordine ed il finanziamento il progetto di telesorveglianza, presentato, primo Comune in Provincia, nel settembre dell’anno scorso. Nonostante i problemi della zona, il Ministero degli Interni, preferì accogliere le richieste di altri Comuni.

Alla richiesta del sindaco ha risposto il Prefetto, Carlo Fanara, che ha ruiproprosto al Prefetto di Palermo, che coordina il progetto, ed al ministero le ragioni che imponevano la realizzazione del sistema di telesorveglianza anche a Chiaramonte.

Dopo i fatti di Roccazzo, con un tunisino e due connazionali dati alle fiamme, uno di questi, purtroppo è deceduto, Nicastro ha riproposto al Prefetto di sensibilizzare il Ministero degli Interni affinché il territorio chiaramontano fosse telesorvegliato.

Il Prefetto Fanara, nei giorni scorsi, ha informato il Sindaco che il 18 dicembre, la Prefettura ha nuovamente inviato il progetto di videosorveglianza al Ministero dell´Interno ed al Prefetto di Palermo, sottolineando «la complessità del territorio di Chiaramonte Gulfi, che comprende importanti vie di comunicazione, una vasta riserva naturale ed una consistente frangia dì popolazione che vive nelle campagne. Il Prefetto ha quindi ribadito la necessità di dare priorità al progetto di videosorveglianza per Chiaramonte Gulfi.

Nicastro ha ringraziato il Prefetto: «Speriamo – ha detto - che si riesca ad avere il finanziamento del progetto per prevenire e contrastare i fenomeni delinquenziali. Siamo convinti che oltre le telecamere occorre anche una presenza più determinata e duratura delle forze dell’ordine, per ridare, finalmente, alla nostra gente la tranquillità perduta».