Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:41 - Lettori online 1445
CHIARAMONTE GULFI - 19/06/2016
Attualità - Il libro, presentato alla sala Sciascia, narra del’esperienza drammatica vissuta dall’autrice

Il "Viaggio oltre i confini" di Daniela Iurato

Si racconta dell’incontro con gli affetti più cari dell’autrice nel mondo di là Foto Corrierediragusa.it

Esperienza drammatica e riflessione sul senso della vita. «Viaggio oltre i confini» di Daniela Iurato (nella foto con il sindaco Vito Fornaro) prende lo spunto da un gravissimo incidente, avvenuto nel 2012, che ha causato il coma per le gravi ferite riportate e ha comportato una decina di interventi chirurgici. Nel mezzo di questo lungo viaggio Daniela Iurato racconta di intravedere «La grande luce», evento che ha spinto l’autrice a raccontare la sua esperienza, il contatto metafisico con chi, dopo questa vita, continua la sua esistenza in un mondo diverso e migliore, come ha detto Gino Carbonaro in occasione della presentazione del libro presso la sala Sciascia di Chiaramonte, affollata per l´occasione.

Daniela Iurato racconta dunque dell’incontro con i suoi affetti più cari nel mondo di là e non è tanto importante, alla fine, se tutto questo sia avvenuto o no. Rileva, invece, la funzione catartica di questo viaggio che ha trasformato da dentro l’autrice, rendendola più sensibile, attenta ai valori della vita «di qua». «La grande luce» che Daniela Iurato vede nel corso del suo calvario ispira dunque temi etici e rende più forte oggi l’autrice pronta ad affrontare problemi tutte le evenienze che la quotidianità della vita pone. Come scrive Gino Carbonaro nella sua presentazione al libro: «Si tratta del diario di una sofferenza che ha consentito di dare un senso alla vita della nostra scrittrice.
Un libro che fa riflettere, che dà un senso alle cose di questa vita e ci esorta, ultima ratio, ad accettare la morte. Una mistica avventura da cui discende una esperienza sulla filosofia dell’esistere».