Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 935
CHIARAMONTE GULFI - 15/11/2014
Attualità - Dopo 8 anni di servizio di Padre Giovanni Nobile nella parrocchia Santa Maria La Nova

Padre Vaccaro nuovo parroco di Chiaramonte Gulfi

L’esigenza di nominare un nuovo parroco è avvenuta per raggiunti limiti di età Foto Corrierediragusa.it

Era già stato annunciato circa un mese fa dal Vescovo di Ragusa, Monsignor Paolo Urso che il nuovo parroco di Chiaramonte Gulfi sarebbe stato Padre Salvatore Vaccaro (foto), 53 anni. Dopo otto anni di servizio di Padre Giovanni Nobile presso la parrocchia Santa Maria La Nova e di Padre Riccardo Bocchieri nella funzione di Vicario parrocchiale, ecco l´ arrivo del nuovo parroco che venerdì scorso per la prima volta ha salutato in Chiesa Madre tutta la cittadinanza presente. L´esigenza di nominare un nuovo parroco è avvenuta per raggiunti limiti di età infatti, come ha spiegato il Vescovo, Padre Nobile avendo compiuto 75 anni è stato obbligato a dare le dimissioni e lo stesso è stato trasferito a Ragusa dove ricoprirà una serie di incarichi, mentre padre Riccardo Bocchieri diventerà parroco di Giarratana. Al rito per l´ingresso del nuovo parroco, celebrato dal Vescovo erano presenti diversi sacerdoti di varie comunità che hanno voluto omaggiare con la loro presenza questo nuovo percorso di don Vaccaro, inoltre presente il Sindaco Vito Fornaro e alcuni assessori, i rappresentanti delle varie confraternite e la presenza di numerosi cittadini.

Padre Salvatore Vaccaro, durante la celebrazione eucaristica ha voluto ringraziare i chiaramontani per il loro caloroso benvenuto, auspicandosi di riuscire a costituire un clima familiare con la cittadinanza. Alla fine del rito, per continuare in un clima di festa è stato allestito da alcuni parrocchiani un buffet, mentre il corpo bandistico di Chiaramonte ha intonato alcune marce sinfoniche. Il neo parroco si troverà da solo, almeno in questa fase, a gestire tutta la comunità del centro cittadino. Un impegno gravoso che dovrebbe essere affrontato con l´indispensabile aiuto dei laici e di quei movimenti che si ritrovano vicino alla chiesa.