Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 610
CHIARAMONTE GULFI - 01/08/2014
Attualità - Aveva 81 anni

Se n´è andato Raffaele Molè, storico imprenditore ibleo

I funerali saranno celebrati oggi alle 15 nella Chiesa Madre Foto Corrierediragusa.it

Una brutta malattia degenerativa ha letteralmente annientato la forte fibra di Raffaele Molè. Un vero capitano d’azienda che dal nulla ha realizzato, con il fratello Giovanni, un’impresa che ancor oggi è una delle più importanti del sud Italia nella lavorazione di profilati per l’agricoltura. Raffaele Molè se ne andato all’età di 81 anni, in un incerto pomeriggio d’estate. Malgrado fosse assente dalla vita sociale da tanti anni il suo ricordo è ancora vivo tra i chiaramontani che hanno manifestato da subito alla sua famiglia cordoglio e partecipazione. Molè negli anni 60 ebbe l’intuizione di trasformare la piccola bottega di maniscalco del padre, dove lavorava, in un’azienda di tutto rispetto. E’ stato in questo senso un pioniere, audace e visionario, guardato da tanti tutti con una certa apprensione, e perché no, invidia.

Lui per primo intuì che occorreva cambiare passo e lanciarsi nelle lavorazioni in ferro con un altro spirito. Così, sfidando il tempo e anche la sorte, aprì quasi a ridosso del Santuario di Gulfi uno stabilimento che ancor oggi è il centro dell’attività dei Fratelli Molè. Per Chiaramonte tutta fu motivo d’orgoglio e anche di propulsione per tanti altri piccoli artigiani che a quel punto hanno lasciato la piccola bottega per nuovi orizzonti imprenditoriali. A Raffaele Molè si deve la trasformazione economica di questa comunità iblea, non foss’altro per lo slancio e l’audacia dimostrati. Oggi la sua azienda, nonostante il pesante momento congiunturale, continua nella sua attività, garantendo il lavoro a ben 28 giovani. I funerali saranno celebrati oggi alle 15 nella Chiesa Madre.