Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1141
CHIARAMONTE GULFI - 30/03/2014
Attualità - La Prefettura ha coordinato il progetto con la Cooperativa Pietrangolare

La pietra darà lavoro a 15 giovani diversamente abili

Grazie alla disponibilità della Mondial Granit che darà in affidamento il grande laboratorio alla cooperativa Foto Corrierediragusa.it

La pietra iblea darà il lavoro a 15 giovani diversamente abili. L´azienda Mondial Granit con sede a Chiaramonte Gulfi ha offerto un laboratorio da 250 metri quadrati ed elaborato un progetto per consentire ai giovani di potere realizzare, tra le tante altre cose, i numeri civici dei dodici comuni della provincia in pietra calcare. La prima fase del progetto vedrà impegnati cinque unità nella toponomastica, cinque nel processo di lavorazione ed altri cinque nell´elaborazione. La Mondial Granit darà in affidamento il grande laboratorio alla cooperativa Pietrangolare di Comiso che ha elaborato il progetto.

La Prefettura ha svolto il lavoro di coordinamento tra l´azienda e la cooperativa e coadiuverà il lavoro e le commesse dei vari comuni. Non a caso il prefetto Annunziato Vardè ha convocato nella sede del´azienda gli assessori ai Servizi sociali dei vari comuni per illustrare la bontà del progetto ed illustrarne le caratteristiche e le finalità Queste attengono al reinserimento ed al recupero dei giovani diversamente abili che verranno reclutati grazie ad un colloquio per verificarne le attitudini. I ragazzi saranno formati ed avranno delle competenze specifiche per garantire al meglio il processo di lavorazione. La Mondial Granit metterà a disposizione dei giovani macchinari ultramoderni per la lavorazione della pietra, bassorilievi, manufatti, numeri civici che potranno arredare al meglio i centri storici delle nostre città.