Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1181
CHIARAMONTE GULFI - 08/10/2013
Attualità - Territorio passato al pettine fitto

Controlli e denunce dei Carabinieri a Chiaramonte

I risultati sono costanti

L’opera di sensibilizzazione nei confronti degli abitanti delle aree rurali di Chiaramonte Gulfi, attivata in occasione dell’incontro tenutosi a Roccazzo con l’Amministrazione Comunale e le forze dell’ordine locali, sembra aver dato i risultati sperati. La collaborazione che è stata chiesta ai cittadini per fronteggiare i ripetuti furti, attraverso le segnalazioni all’autorità competenti ha portato in questi giorni alla denuncia di diversi soggetti. Per ultimo, a seguito di una chiamata al 112 è stata fermata da una pattuglia della Stazione di Comiso unitamente ad una volante della Polizia Stradale di Ragusa sulla SS514 una Fiat Panda azzurra.

L’auto era condotta da un pregiudicato catanese di circa 50 anni con a bordo un ragazzo di 16 anni, trovati in possesso di refurtiva. Da accertamenti esperiti il bottino è risultato oggetto di furto, avvenuto a Gela ai danni di una 51enne, la quale una volta avvisata ha immediatamente riconosciuto il suo tablet, i 3 orologi di marca e altra componentistica di PC. La vettura è stata sottoposta a sequestro poiché priva di assicurazione, mentre i due sono stati deferiti in stato di libertà per il reato di ricettazione e per il reato di violenza di domicilio, perché riconosciuti da una signora residente a Sperlinga, come i soggetti che si erano intrufolati nel giardino della sua abitazione. Sono ancora in corso le indagini per verificare se gli stessi si siano resi responsabili di altri furti nella zona.

Ancora una volta, visto il successo dell’iniziativa, il Comando della Compagnia dei Carabinieri di Vittoria insiste affinché i cittadini collaborino con le forze dell’ordine segnalando qualsiasi azione sospetta.

CHIESTI PIU´ CONTROLLI
Durante i lavori del Consiglio Comunale, convocato d’urgenza dal Presidente Paolo Battaglia, per il problema della sicurezza pubblica, è stato approvato all’unanimità l’ordine del giorno, presentato dai consiglieri del Pd Antonella Occhipinti e Dario Cutello. Oggetto dell’incontro è stata la salvaguardia del territorio di Chiaramonte Gulfi, dal diffondersi di fenomeni delinquenziali che mettono in discussione le condizioni economiche e sociali, fortemente compromesse dalla già difficile realtà nazionale. Ad aggravare la situazione, la vastità del territorio e lo scarso numero delle unità operative dei Carabinieri. Infatti, risultano essere in servizio solo nove unità, numero che risale al 1982. Inoltre va aggiunto, che fino al 2003 parte del territorio era di competenza della stazione dei Carabinieri di Pedalino. Poi dal 2004 con la chiusura di quest’ultima, le competenze passarono alla stazione chiaramontana.

Alla luce di questi motivi, si è chiesto al Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, l’aumento del numero dei militari assegnati, affinché il territorio possa essere adeguatamente monitorato e si possa restituire alla popolazione il diritto alla serenità. Il sindaco, Vito Fornaro, dal canto suo ha rappresentato durante i lavori del consiglio quanto fatto dall’Amministrazione comunale, aggiungendo «nonostante le strumentalizzazioni del Presidente Paolo Battaglia, il Consiglio ha dimostrato grande senso di responsabilità e attenzione ai problemi della città».