Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 501
CHIARAMONTE GULFI - 04/10/2013
Attualità - Chiaramonte Gulfi, arrivano le precisazioni dell’ex sindaco

Nicastro e zone blu: "Nessun danno"

L’ex capo dell’amministrazione difende le scelte e ritiene il personale impegnato avente lo status di «ausiliari della sosta». Protezione civile e Pro Loco? Coadiuvavano il Comoune nelle sue attività
Foto CorrierediRagusa.it

Mentre la Procura della Repubblica di Ragusa e la Corte dei Conti di Palermo valutano il lavoro investigativo effettuato dalla Guardia di finanza provinciale sulla gestione delle strisce blu nel comune di Chiaramonte Gulfi, la politica fa altrettanto il suo mestiere. Attacca e si difende. Ovvero, l’opposizione attacca e la vecchia amministrazione si difende.

L’ex sindaco Giuseppe Nicastro (foto), capo dell’amministrazione negli anni che sono oggetto di querelle sulla vicenda dei parcheggi a pagamento, risponde alle accuse lanciate da soggetti politici chiaramontani e dà la propria versione sui fatti, «nel più assoluto rispetto delle autorità che si stanno occupando del caso»- tiene a precisare l’avvocato Nicastro.

«Le strisce blu nel nostro Comune sono state istituite per assicurare una rotazione nei parcheggi, da sempre carenti nel centro storico. Le Onlus che assicuravano il servizio altro non erano che la Protezione civile e successivamente la Pro-Loco, cioè associazioni che si prefiggono come finalità quella di coadiuvare il Comune nelle sue attività. Fu deciso di rivolgersi ad esse in quanto il servizio, nel periodo antecedente il 2004, era stato affidato ad una cooperativa rimasta economicamente inadempiente nei confronti del Comune.

I 100.000,00 euro di cui si parla negli articoli devono essere considerati in relazione a 9 anni ( quindi poco più di 10.000,00 euro l’anno ) e altro non sono che il rimborso spese assicurato alle associazioni di cui sopra che a loro volta, in buona parte,ripartivano a coloro i quali prestavano il servizio.

Non si capisce quale danno erariale possa esservi stato dal momento che, dalla istituzione del servizio, detratte le spese, il comune, nei nove anni, ha avuto un guadagno netto di oltre 70.000,00 euro.

Il personale impiegato dalle predette associazioni avevano lo status di «ausiliari della sosta» a seguito di un corso effettuato dall’allora Comandante dei Vigili Urbani e ciò gli fu riconosciuto tramite due determine sindacali del 2004.

L’utilità della istituzione delle strisce blu è resa ancora più palese oggi in quanto, da quando la nuova Amministrazione ha sospeso il servizio (oltre un anno e mezzo e ancora non sono riusciti a riattivarlo con conseguente perdita economica per le casse comunali) la situazione parcheggi nel nostro comune è nel caos».