Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 934
CHIARAMONTE GULFI - 04/09/2013
Attualità - Pesante denuncia del Presidente del Consiglio Paolo Battaglia

Consigliere anziano non firma i verbali

Dito puntato su Giuseppe Savasta che provocherebbe la paralisi amministrativa Foto Corrierediragusa.it

La denuncia del Presidente del Consiglio Paolo Battaglia (foto), è di quelle che lasciano il segno, o meglio divaricano lo steccato, mettendo in evidenza un comportamento che nulla ha a che vedere con il ruolo istituzionale del consigliere anziano, Giuseppe Savasta. Stando a quanto affermato dal Presidente Battaglia questo consigliere si rifiuta di firmare i verbali del Consiglio comunale e questo suo «reiterato ostruzionismo di fatto sta provocando la paralisi amministrativa dell’ente». In effetti, mancando anche la sottoscrizione da aprite del consigliere anziano, gli uffici non possono procedere alla pubblicazione delle delibere del Consiglio comunale, ritardandosi l’esecuzione delle stesse. Queste pesanti accuse sono state rivolte dal Presidente direttamente al consigliere Savasta con una nota inviata anche al Sindaco, Vito Fornaro e al segretario comunale Maria Grazia D’erba.

Nella missiva il Presidente Battaglia contesta al Savasta un comportamento «non conforme al ruolo istituzionale che le compete, al di là delle legittime difformità di visione politica». Ha poi aggiunto: «Le comunico che, al fine di evitare irregolarità o peggio ancora paralisi amministrativa, di volta in volta, per le vie brevi le sarà sottoposto ciascun verbale per la sottoscrizione, e che ad ogni suo ulteriore rifiuto, il relativo verbale verrà pubblicato con la dicitura ‘il consigliere Giuseppe Savasta si rifiuta di firmare’ e segnalerò tale suo comportamento all’attenzione degli organi superiori».