Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 817
CHIARAMONTE GULFI - 10/02/2012
Attualità - Si tratta di interventi a tutto tondo

Riqualificazione del piazzale San Vito a Chiaramonte

Per una definitiva sistemazione di basole, di sedili, di una fontanella e soprattutto della successiva ripiantumazione di alberi di ulivo, proprio dove erano stati tagliati quelli di pino Foto Corrierediragusa.it

Nel pieno della polemica per il taglio di cinque pini che erano a ridosso del campetto di calcetto in erba sintetica (foto), il Sindaco, Giuseppe Nicastro, annunciò che quell’area sarebbe stata oggetto di importanti interventi manutentivi. Così è stato. Di recente, infatti, la Giunta comunale ha approvato il progetto predisposto dall’Ufficio tecnico comunale, per la riqualificazione di tutto il Piazzale San Vito.

Si tratta di interventi a tutto tondo per una definitiva sistemazione di basole, di sedili, di una fontanella e soprattutto della successiva ripiantumazione di alberi di ulivo, proprio dove erano stati tagliati quelli di pino. Per questi primi interventi è prevista una somma di circa 49 mila euro. Il progetto è stato esitato favorevolmente dalla Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali. Per l’Amministrazione comunale, ha commentato il primo cittadino, si tratta di un intervento di riqualificazione del piazzale San Vito, oggi spazio nevralgico della città, di primaria importanza.

«Il taglio dei pini, ha aggiunto Nicastro - tanto contestato da alcuni soggetti per una piccola e sterile speculazione politica – si è reso necessario per evitare che gli aghi secchi dei pini danneggiassero il manto erboso, ostruendo i pori di drenaggio ed era l’atto preliminare per attuare, poi, l’intervento che ci accingiamo a rendere operativo. Ancora una volta, ha poi concluso Nicastro, questa compagine amministrativa si è distinta per interventi concreti e di fondamentale importanza, non badando alla polemiche sterili e al personalismo di qualche esponente politico che pur di darsi un ruolo ha provato, senza successo, di sobillare gli abitanti del quartiere».