Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 774
CHIARAMONTE GULFI - 30/01/2012
Attualità - Nelle vicinanze della diga di Mazzarronello accanto a luoghi turistici

Le vergogne di Scornavacche, sito lasciato al suo destino

Alcuni cittadini hanno inviato foto e segnalato il caso, nella speranza che chi di competenza faccia qualcosa per evitare l’accumularsi di rifiuti ingombranti e tossici
Foto CorrierediRagusa.it

Ogni comune ha le sue vergogne. Anche Chiaramonte Gulfi, ridente comune montano, deve fare i conti con l’incuria di certi di grande pregio. E ancora più grave se questisi trovano sono frequentati da turisti, come il suggestivo luogo di contrada Scornavacche. Proprio nel cuore dove alcuni scavi hanno portato alla luce un abitato ellenistico che fu centro di produzione di ceramica, situato non lontano dalla città greca Akrillai.
Nelle vicinanze del sito c’è una diga, e precisamente la diga di Mazzarrone (da cui il nome «Diga di Mazzarronello»), un posto già di per sé suggestivo, con impianti di tendoni per la coltivazione di uve pregiatissime e ortaggi diversi.

Inoltre è presente un locale con attività di ristorazione del tipo «Turismo Rurale» e Bed & Breakfast che prende il nome dello stesso sito archeologico, con una bella veduta panoramica sulla vallata del Dirillo, che potrebbe ulteriormente valorizzarsi se la zona circostante venisse bonificata dai tanti rifiuti altamente inquinanti per il territorio presenti e se la strada di congiunzione con la località Quaglio venisse maggiormente attenzionata, in modo da renderla agevolmente percorribile. Invece, basta parole, basta guardare le le foto delle discariche a cielo aperto per rendersi conto di come viene lasciato il suggestivo sito di contrada Scornavacche.


Come Fontana Nuova
31/01/2012 | 10.07.41
sergio Arezzo

E´il triste destino dei siti di pregio della nostra provincia.Come Fontana Nuova a Marina di Rg,la cui campagna è devastata a due passi dal famoso "riparo sotto roccia".Non siamo,evidentemente, sufficientemente attenti ed intellegenti per capire che questi posti, oltre a rivestire interesse culturale, possono richiamare turisti.