Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1047
CHIARAMONTE GULFI - 20/08/2011
Attualità - I disservizi sono aumentati assieme ai postini

Distribuzione postale carente a Chiaramonte Gulfi

Dopo essere stati coperti da ogni sorta di protesta gli impiegati allo sportello puntualmente riferiscono di rivolgersi telefonicamente al responsabile provinciale della distribuzione

Si stava meglio, quando si pensava di star peggio. Non è un paradosso ma una pura constatazione. A distribuire la posta nella cittadina erano appena tre impiegati e tutto filava liscio. Ora il numero è aumentato, al personale sono stati assegnati moto e macchine ma il servizio è peggiorato, anzi annullato. Non certo per colpa dei postini che sono, anzi, molto apprezzati, ma per l’incredibile scelta di chi sovrintende al servizio che non si preoccupa minimamente di tenere la cittadina, in diverse zone, da dieci giorni senza la distribuzione della posta. Si direbbe, pazienza, può succedere. Basta andare all’Ufficio Postale e ritirare la corrispondenza, nell’attesa che riprenda la domiciliazione.

E no! I postini dipendono da una determinata struttura delle Poste Italiane che non ha niente e che vedere con i servizi di sportello. Quindi una volta reclamata la corrispondenza, gli impiegati non possono far altro che riferire agli utenti di non poter aprire i contenitori che da dieci giorni giacciono in ufficio. A nulla sono valse finora le proteste degli utenti, alcuni dei quali sono in attesa d’importanti comunicazioni. Nessun consegna, tra l’altro, assicurate e raccomandate. Alla faccia della celerità del servizio che si paga profumatamente.

Dopo essere stati coperti da ogni sorta di protesta gli impiegati allo sportello puntualmente riferiscono di rivolgersi telefonicamente al responsabile provinciale della distribuzione. Ma a quel numero di telefono non risponde nessuno. Allora altra chiamata ad un altro numero. Ma ancora silenzio. Sembra assurdo ma le cose vanno così e nessuno sembra fa niente alla Direzione Provinciale per risolvere questa situazione. E’ proprio cosi: si stava meglio quindi si stava peggio.