Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 875
CHIARAMONTE GULFI - 10/07/2011
Attualità - La scomparsa della nobildonna, tra le più longeve delle Sicilia

Se ne va a 107 anni la Baronessa Melfi di Chiaramonte

Ha vissuto all’ombra del marito, il Barone Salvatore Melfi, che ha avuto un ruolo di prestigio, dopo il secondo conflitto mondiale, nella vita politica di Chiaramonte Gulfi
Foto CorrierediRagusa.it

Nella piccola grande storia di questa cittadina, un posto di rilievo lo ha occupato la Baronessa Melfi. Sempre discreta, con la sua affabilità ha incrociato, soprattutto nel secondo dopoguerra, i destini e i bisogni di tanta povera gente e non è mai rimasta sorda ai loro bisogni. Ha vissuto all’ombra del marito, il Barone Salvatore Melfi, che ha avuto un ruolo di prestigio, dopo il secondo conflitto mondiale, nella vita politica di Chiaramonte Gulfi.

Questa donna minuta e sempre sorridente ha lasciato questo mondo, all’incredibile età di 107 anni (il prossimo 8 novembre n’avrebbe compiuto 108). Sicuramente una delle più longeve donne siciliane che si ricordino. Maria Licitra nacque a Vittoria nel 1903, da famiglia agita. All’età di ventisei anni convolò a nozze con il Barone Salvatore Melfi, allora ventiquattrenne, un vero rampollo dell’aristocrazia provinciale. Le nozze furono celebrate a Vittoria il 5 gennaio del 1929, con lo sfarzo che si conveniva, visto il rango dello sposo.

Ancor oggi gli anziani ricordano che la nobildonna portò in dote al Melfi un patrimonio da capogiro. Subito dopo la baronessa si trasferì a Chiaramonte Gulfi, dove visse ininterrottamente fino a pochi anni fa e dove diede alla luce tre figli (un maschio e due donne). Con l’avanzare degli anni, la figlia Giovanna, per motivi logistici, ha deciso di portare con se, a Ragusa, l’anziana ma sempre lucida mamma. Ma non ha mai voluto lasciare la residenza chiaramontana di Via Tommaso Chiavola. Maria Licitra fino ad un anno fa era in perfetto stato di salute. Un vero prodigio della natura. Poi il lento ed inesorabile decadimento e la morte. La Baronessa Melfi, dopo i funerali, sarà trasferita a Chiaramonte Gulfi dove riposerà in pace accanto al marito, barone Salvatore Melfi e al figlio Nunzio prematuramante scomparso.

Nella foto, per gentile concessione Collezione Bertucci, in primo piano a destra, il Barone e la Baronessa Melfi nel giorno delle nozze