Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 563
CHIARAMONTE GULFI - 20/10/2010
Attualità - Chiaramonte Gulfi: utilizzati anche i bus urbani per il trasporto

I pendolari sono proprio giunti al... capolinea!

Viene almeno in parte compromessa la sicurezza dei passeggeri

Siamo proprio arrivati al capolinea, è il caso di dirlo, se per trasportare gli alunni pendolari a Ragusa si utilizzano gli urbani. E sì, succede proprio questo. L’Ast che gestisce il servizio di trasporto degli studenti, ridotta con un parco macchine da terzo mondo, non avendo altri mezzi in esercizio, in barba alle più elementari norme di sicurezza, ha messo in strada anche gli urbani per coprire un tratto di ben 20 km, su strade provinciali.

Pochi giorni fa l’Ast aveva in qualche modo rassicurato l’assessore comunale alla Pubblica istruzione che chiedeva mezzi sicuri per il trasporto degli alunni. Ma, stando così le cose, quel mezzo impegno non ha trovato riscontro. Questa sconsolante situazione con in più i continui guasti degli autobus ha messo i genitori degli studenti pendolari sul piede di guerra. Stanchi di assistere ad un continuo ripetersi di episodi del genere hanno deciso di costituirsi in comitato e fare di tutto per garantire ai propri figli un trasporto quanto meno sicuro.

Ma la situazione denunciata da alcuni genitori non fa ben sperare, alla luce de tanti problemi che deve affrontare l’Ast, non ultimo le casse vuote. Ciò non di meno sono pronti a intraprende ogni iniziativa per indurre l’Azienda Siciliana Trasporti a mandare a Chiaramonte Gulfi mezzi idonei al servizio che deve garantire. A mettere su questo legittima protesta ci ha pensato Giovanni Laterra, padre di una delle tante ragazze che va a scuola a Ragusa. «L’AST, queste le sue parole, pretende di effettuare il trasporto degli Studenti con Bus adibiti al trasporto urbano, con altri mezzi poco affidabili ed insufficienti a livello di capienza massima, il tutto in barba a tutte le norme di sicurezza e condizioni di sufficiente decenza e decoro.

Il Comune di Chiaramonte e quindi noi cittadini residenti, ha poi aggiunto, paghiamo gli abbonamenti per il trasporto degli Studenti, il tutto con precise norme contrattuali regolarmente disattese dall’Ast. Il costituendo Comitato, pertanto, visto il perdurare di questa assurda situazione si riserva di intraprendere tutte le iniziative idonee alla soluzione delle problematiche in questione ed invita l’Amministrazione Comunale ad andare oltre il rituale, triste, scarno ed inefficace comunicato stampa.