Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 843
CHIARAMONTE GULFI - 05/08/2010
Attualità - Chiaramonte Gulfi: Cortoibleo, l’iniziativa voluta e pensata dalla Pro Loco

Chiaramonte: 2 giorni nel segno del cortometraggio

Il primo appuntamento è previsto per le ore 19 alla Sala Sciascia con una lezione sul cinema del regista Vito Zagarrio Foto Corrierediragusa.it

Due giorni nel segno del cortometraggio, per narrare la terra iblea. Questa l’iniziativa voluta e pensata dalla Pro Loco, diretta dal Lidia Scifo, della cittadina montana, che proprio stasera aprirà i battenti. Il primo appuntamento è previsto per le ore 19 alla Sala Sciascia con una lezione sul cinema del regista Vito Zagarrio, che è anche presidente della giuria a cui è stato assegnato il compito di valutare le opere pervenute. Dopo questo momento, alla 21, è in programma la proiezione dei cortometraggi, giunti anche dalla Sardegna. Mentre, domani sera è prevista la cerimonia di proclamazione del vincitore di questa rassegna e la diffusione dei corto segnalati.

A giudicare queste mini opere la cui durata non può superare i 10 minuti ci penseranno il regista Gianni Battaglia, lo scrittore Emanuele Schembari , l’esperta in filmografia Daniela Iurato, il prof. Gino Interi, lo scrittore ed editore Vincenzo Vizzini e il regista Vito Zagarrio. Questi oltre ad aver firmato importanti film , quali «Tre giorni d’anarchia», «Bonus Malus» oltre a diverse produzioni televisive è anche docente di Storia e critica cinematografica all’Università di Roma.

«Un corto per narrare la Provincia di Ragusa» che si avvale del patrocinio della Provincia di Ragusa e del Comune di Chiaramonte Gulfi, oltre al sostegno economico della Banca di Credito Cooperativo dei Castelli e degli Iblei, è stato pensato per permettere ai giovani e non di relazionarsi con il loro mondo e di esprimere, attraverso il filmato, le emozioni e il proprio modo di vedere questa realtà provinciale.