Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 912
CATANIA - 12/07/2010
Attualità - Catania: agape estiva U.C.C.I. e beneficenza pro Gerusalemme

L’Ucci di Catania dona fondi alla Diocesi di Gerusalemme

Sarà l’arcivescovo Salvatore Gristina a consegnare nelle mani del patriarca latino di Gerusalemme i soldi raccolti per migliorare i servizi per bambini e per gli indigenti del luogo
Foto CorrierediRagusa.it

«Un ponte di solidarietà per Gerusalemme». Questo il tema dell’agape estiva della U.C.C.I, (Unione Cavalleria Cristiana Internazionale) sezione di Catania, tenutasi nella splendida cornice estiva di Villa Donzuso a Santa Tecla. Dame e cavalieri della Unione si sono riuniti per chiudere l’anno sociale e per contribuire alla raccolta di fondi da devolvere alla Diocesi di Gerusalemme. Sentito e profondo è stato il messaggio dell’arcivescovo metropolita di Catania, mons. Salvatore Gristina, che ha voluto espressamente interessarsi alla creazione di un ponte di solidarietà per la Terra Santa.

Proprio l’arcivescovo farà da tramite al fine di consegnare la cifra raccolta durante la serata al Patriarca Latino di Gerusalemme. I soldi saranno impiegati per l’acquisto di beni di prima necessità e per predisporre tutto l’occorrente per migliorare i servizi essenziali per i bambini e per gli indigenti del luogo.

«L’amicizia che lega me e il patriarca latino di Gerusalemme - ha detto mons. Gristina presente alla serata UCCI- ha reso ancora più forte la nostra volontà di aiutare i bambini che soffrono e che vivono in una terra difficile come i luoghi della Terra Santa».

Una serata ricca di soci e ospiti per confermare ancora una volta il loro impegno preso con l’Unione e racchiuso nel motto «Usque Christum Christi Itinere»e per dimostrare quanti segni tangibili possono nascere da una semplice attività al fine di avviare percorsi di solidarietà forte e autentica.
Da anni la U.c.c.i. segue questo percorso, seguendo le parole del Papa Giovanni Paolo II, «Spalancate la porte a Cristo», e cercando di diffondere con l’azione e con l’esempio il messaggio dell’evangelo.
Sono intervenuti, inoltre, il delegato U.C.C.I di Catania, avv. Salvatore Strano, e il Comandante generale l’ing. Francesco Pensavalle De Cristofaro dell’Ingegno. «Nel programma della UCCI- ha detto- il delegato catanese- sono previste numerose tappe di pellegrinaggio e di beneficenza al fine di realizzare un maggiore arricchimento spirituale dei confratelli.

(nella foto da sinistra Massimo Paradiso, don Antonio Lo Curto, mons. Giuseppe Smedile, SE Salvatore Gristina, Francesco Pensavalle De Cristoforo dell´Ingegno, Salvatore Strano)