Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 853
CATANIA - 21/08/2013
Attualità - Due voli dirottati da Catania a Palermo, perchè non a Comiso?

Maltempo in Sicilia orientale, nubifragio a Punta Secca

Nel fine settimana atteso un miglioramento ma le temperature scendono

Maltempo sulla Sicilia orientale. Colpite in particolar modo Catania e Siracusa ma anche in provincia di Ragusa gli effetti si sono sentiti con pioggia abbondante e cieli coperti. A causa del maltempo due aerei diretti a Catania sono stati dirottati nello scalo di Palermo per le cattive condizioni meteo a Fontanarossa ( A proposito perchè non a Comiso a tutto vantaggio dei passeggeri?). Sono il volo Airone Pisa Catania delle 8.35 e il volo Alitalia Fiumicino Catania delle 8.55.

Un nubifragio, accompagnato da grandine, si é abbattuto a Siracusa, dove sono stati diversi i veicoli in avaria o bloccati a margine della carreggiata. La Polizia Municipale, che ha invitato i cittadini a "restare a casa ed a lasciare le proprie abitazioni soltanto se strettamente necessario" e gli automobilisti ad usare prudenza.

Nel ragusano
Il maltempo ha indotto molti a lasciare il mare e restare in città anxche se la situazione è migliorata nella parte finale della giornata.

Punta Secca ha sfatato la tradizione che la indica come zona poco piovosa e non particolarmente soggetta a intensi temporali. Un nubifragio di elevata potenza, la classica «bomba d’acqua», durato quasi un’ora, si è abbattuto infatti ieri mattina, poco dopo le 10,30, tra Punta Secca e Torre di Mezzo, trasformando la borgata, che fino a martedì era piena di bagnanti e dall’aspetto tipicamente estivo, in un paesaggio tipicamente autunnale. La pioggia, intensa e accompagnata da forti raffiche di vento, si è abbattuta proprio nella fascia costiera e fino a ridosso del centro abitato di Santa Croce. La strada fra S.Croce e Punta Secca si è trasformata in un vero e proprio fiume d’acqua rendendo impraticabile l’arteria e mettendo ancora una volta in evidenza la mancanza di sbocchi a margine della carreggiata che favoriscono il deflusso idrico durante appunto le precipitazioni.

Il forte vento che accompagnava la pioggia ha divelto una tettoia rimovibile di un bar di Punta Secca, dove di solito siedono i clienti, senza creare però problemi di sorta in quanto, a causa del cattivo tempo, sotto la tettoia non stazionavano avventori. Numerose sono state le chiamate ai vigili del fuoco per inizi di allagamenti che per fortuna non hanno creato dei danni. Per un’abitazione a Torre di Mezzo era stato lanciato l’allarme di un possibile smottamento che avesse intaccato le fondamenta, ma l’emergenza è subito rientrata. Il fiume d’acqua che si è riversato nelle spiagge ha provocato inoltre l’erosione di molti accessi a mare, già danneggiati dalle piogge di fine inverno-inizio primavera scorsi.