Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 764
CATANIA - 15/09/2012
Attualità - La nuova compagnia punta a far volare 3 aerei sulle tratte nazionali

Salvataggio Wind Jet: ipotesi operativa dal 5 dicembre

La società avrebbe soci privati e la compartecipazione dell’Irfis, l’istituto finanziario della Regione Sicilia

Pronti a ripartire dal 5 dicembre con una New.co mista. E´ l´ipotesi di rilancio della Windjet presentata dalla compagnia aerea siciliana al ministero dei Trasporti nell´incontro svoltosi a Roma. Si tratta di una semplice ipotesi di lavoro al momento anche se il ministero si è detto disponibile a dare una mano alla comapgnia catanese.

L´ipotesi al centro del progetto, presentato ai tecnici del ministero, è quella del "concordato preventivo in continuità", previsto nel decreto sviluppo Salva Italia del governo Monti, diventato operativo nei giorni scorsi. Questa strada, secondo Windjet, permetterebbe alla società siciliana di preparare un concordato con i creditori che permetta il risanamento della parte debitoria.

Contemporaneamente, attraverso una New.co già costituita, Windjet, con un capitale di 50-60 milioni di euro, e con un probabile appoggio dell´Irfis, l´istituto finanziario della Regione Siciliana, sarebbe pronta a ripartire. La data prevista del nuovo ´decollo´ è quella del 5 dicembre.

La società potrebbe contare su 3 aerei, per coprire le tratte nazionali, e reintegrare così il 40 per cento dei dipendenti. L´obiettivo successivo sarebbe quello di fare volare 8 aeromobili, con un recupero dell´80 per cento del personale.