Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 900
CATANIA - 26/05/2012
Attualità - L’Ordine fu fondato da Goffredo di Buglione nel 1099

Cavalieri e dame del Santo Sepolcro nominati a Catania

Tre vescovi, Calogero Peri, Antonino Ruspanti e Antonio Staglianò hanno ricevuto l’investitura con il grado di commendatori con placca
Foto CorrierediRagusa.it

Nuovi cavalieri e dame sono entrati a far parte della «famiglia siciliana» del Santo Sepolcro di Gerusalemme. L’evento, unico per la Luogotenenza di Sicilia, si è svolto per la prima volta a Catania nella suggestiva cornice della Cattedrale normanna di S. Agata. I neo cavalieri sono quarantasette seguiti da venti nuove dame e nove sacerdoti. Persino tre Vescovi hanno ricevuto l’investitura con il grado di commendatori con placca. Sono: mons. Calogero Peri, mons. Antonino Ruspanti mons. Antonio Staglianò.

Il programma si è svolto in due diverse giornate; la prima, caratterizzata dalla Veglia d’armi o come oggi si preferisce definire «Veglia di Preghiera», tenutasi nella Chiesa Capitolare di S. Giuliano, sede della sezione di Catania.

La seconda giornata si è sviluppata in Cattedrale dove ha officiato il rito il Cardinale e Arcivescovo Metropolita di Palermo, Mons. Paolo Romeo, Gran priore della Luogotenenza, con la concelebrazione dell’Arcivescovo Salvatore Gristina Priore di Catania, e Mons. Leone Calambrogio cerimoniere ecclesiastico della sezione etnea.

Cerimonia suggestiva, preceduta da quella Veglia d’armi che anticamente rappresentava la raccolta in preghiera dei cavalieri il giorno prima della battaglia e che oggi si traduce nella promessa solenne di dedizione all’Ordine da prestare in assoluta fedeltà alla Chiesa e al Sommo Pontefice, fase quest’ultima sostanziale nel rito generale d’investitura.

Nel giorno solenne il corteo d’apertura ha dato spazio ai canti gregoriani e il Cardinale Paolo Romeo ha richiamato tutti i partecipanti ai principi dell’Ordine parlando della Fede e dall’Amore cristiano a cui oggi tutti i cavalieri dovrebbero ispirarsi.

L’Ordine Equestre del Santo Sepolcro è un ordine cavalleresco elevato ad associazione pubblica di fedeli di religione cattolica eretta dalla Santa Sede da cui dipende, ed avente personalità giuridica canonica e civile. E’ di subcollazione pontificia in quanto le funzioni di Gran Maestro sono demandate ad un cardinale di Santa Romana Chiesa. Attualmente il Gran Maestro è il Cardinale Edwin Frederick O’Brien.

L’Ordine fu fondato dal duca della Bassa Lorena Goffredo di Buglione nel 1099 dopo la conquista di Gerusalemme. Diventa il primo Ordine assistenziale, caritativo e religioso. Oggi le sue più importanti attività sono quelle di sostenere anche economicamente progetti riguardanti varie iniziative per la Terra Santa; costruzioni di asili, scuole, ospedali, Chiese, seminari e istituzioni di borse di studio.

Alla cerimonia erano presenti il sindaco della città etnea Raffaele Stancanelli, il presidente del Consiglio Comunale Marco Consoli, i rappresentanti del Gran Magistero dell’Ordine del Santo Sepolcro, il delegato dell’Ordine di Malta (SMOM), Ferdinando Testoni Blasco e il barone Raffale Zappalà Asmundo.

A fare gli onori di casa sono stati lo stesso Luogotenente di Sicilia, il catanese, prof. Giovanni Russo nonché il padrone di casa e preside della Sezione catanese Giancarlo Scardillo.