Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1014
CATANIA - 15/04/2012
Attualità - Novità per il trasporto aereo siciliano dopo l’acquisizione della compagnia catanese

Alitalia compra Wind Jet, fine del low - cost in Sicilia?

Non riuscito invece l’acquisto di Blue Panorama da parte della compagnia di bandiera

Alitalia compra Wind Jet e si rafforza nel low cost. Un´operazione, spiega l´amministratore delegato di Alitalia Andrea Ragnetti, con cui "si aprono prospettive di grande rilevanza strategica" per la compagnia "legate allo sviluppo di un´offerta low cost di qualità e di grande valore per il mercato italiano".

Il progetto low cost di Alitalia (144 aerei e 25 milioni di passeggeri nel 2011), già avviato con l´acquisizione di Air One, si consolida dunque con la compagnia siciliana (12 Airbus e 2,8 milioni di passeggeri nel 2011) da cui "mira ad acquisire il know-how nei voli a basso costo, completando ed arricchendo il proprio portafoglio di prodotti e competenze".

Non è invece andata in porto l´integrazione con Blue Panorama, la compagnia privata (che ha 12 Boeing e ha trasportato circa 2 milioni di passeggeri nel 2011) che opera servizi di linea e charter intercontinentali e di corto e medio raggio con il marchio low cost Blu-Express. Alla scadenza del 31 marzo non è stato raggiunto un accordo. Nel gennaio scorso Alitalia aveva firmato con entrambe le compagnie protocolli d´intesa con l´obiettivo del consolidamento per affrontare il mercato del trasporto aereo dove i ´matrimoni´ fra le compagnie sembrano essere l´unica soluzione alternativa al fallimento.

L’operazione è mirata a contrastre gli irlandesi di Ryan Air che tende a diventare la prima compagnia per passeggeri trasportati in Italia. Wind Jet è stata fondata nel 2003 dal patron del Catania calcio Antonino Pulvirenti e si è affermata come la prima compagnia low cost italiana; la compagnia low cost siciliana è la sesta per quota di mercato domestico (6,2% nel 2011) ed ha basi a Catania, Palermo e Rimini.

Soddisfazione di Pulvirenti secondo il quale l´accordo "premia la qualità del lavoro svolto e riconosce le competenze e i risultati raggiunti in questi anni nel costruire la prima compagnia low cost italiana. Dalla Sicilia emerge ancora una volta un´azienda di eccellenza che si proietta nel panorama nazionale e internazionale".

Tutte da verificare le conseguenze per il mercato siciliano dopo l’accordo raggiunto. Soprattutto per i consumatori che potrebbero ritrovarsi con tariffe superiori a quelle attualmente praticate sul mercato con ripercussioni dirette sulla mobilità di cinque milioni di .


16/04/2012 | 19.32.45
Giuseppe

Ah... ma perchè windjet secondo voi era lowcost??


Aliatlia? ...smetteremo di viaggiare low cost
15/04/2012 | 17.19.52
silvio

auguro di sbagliarmi, ma con l´acquisto di Wind Jet da parte di Alitalia dimenticheremo le tariffe low cost. Purtroppo ho una certa esperienza con Alitalia ....