Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1245
CATANIA - 11/09/2010
Attualità - Catania: l’aeroporto ha fatto registrare un + 9,25 rispetto allo scorso anno

Ad Agosto record di passeggeri a Fontanarossa

Con questi numeri fino a che punto la Sac è interessata a Comiso?

L’aeroporto di Fontanarossa chiude il mese di agosto con il record assoluto di passeggeri. Con una crescita del 9,25 per cento rispetto al 2009 è un agosto da record quello appena concluso per l’Aeroporto Internazionale di Catania Fontanarossa: 746.254 passeggeri, tra arrivi e partenze, quelli transitati nello scalo catanese il mese scorso (683.060 nel 2009) superando così il primato registrato nell’agosto 2007, quando a Fontanarossa i viaggiatori censiti furono 716.355.

Il trend positivo del mese di agosto - preannunciato dal +6,4 di luglio (Napoli +6,2; Bergamo +6,1, Venezia + 4,5) - è confermato anche dai dati progressivi di traffico da gennaio ad agosto 2010 che consegnano un +5,41% rispetto al 2009: una cifra che può fare sperare nel raggiungimento di un nuovo record di traffico annuale per Fontanarossa il cui massimo storico risale al 2007 con il superamento della soglia dei 6 milioni di passeggeri (6.083.735).

«Sono cifre importanti e confortanti quelle di agosto 2010 – sottolinea il presidente della SAC Gaetano Mancini - soprattutto per l’auspicata ripresa economica della nostra regione e in particolare di tutte quelle attività, oltre al turismo, connesse direttamente o indirettamente con la funzionalità di uno scalo internazionale come quello di Fontanarossa dove operano oltre trenta compagnie aeree con una ricca offerta di voli di linea, charter e low cost che ‘avvicinano’ la nostra isola all’Europa e ai continenti Asia e Africa».

Il presidente Mancini può dormire dunque sonni tranquilli per il futuro dell’aeroporto catanese e dovrà dimostrare se e fino a che punto la società da lui gestita, che è maggioranza nella Soaco, la società di gestione dell’aeroporto di Comiso, possa essere interessata ad avviare lo sviluppo dello scalo ibleo. La domanda che va posta oggi alla luce dei numeri diffusi dalla Sac è se Catania può avere un vero interesse nello sviluppo dello scalo comisano, struttura in grado di svilupparsi ed offrire una alternativa convincente ad altre compagnie aeree.