Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 779
ACATE - 23/03/2009
Attualità - Acate: all’inaugurazione la guest star Francesco Cafiso

Villa Margherita e piazza Libertà agli antichi splendori

Dopo un anno di lavori, completata anche l’area della piazza Libertà che coincide con il sagrato della Chiesa Madre di San Nicolò di Bari
Foto CorrierediRagusa.it

La «Villa Margherita» (nella foto) torna ai fasti d’un tempo. La parte centrale della piazza Libertà, considerata una delle più grandi della provincia, insieme alla omonima piazza ragusana, recupera lo stile tanto caro a chi, tra gli acatesi, ha ricordi che affondano negli anni che furono. La piazza, con splendide aiuole verdi che arricchiscono le palme, è stata completata già da tempo. Completata anche l’area della piazza Libertà che coincide con il sagrato della Chiesa Madre di San Nicolò di Bari che sarà unita alla villa, poichè è stata eliminata la strada che divideva i due spazi. La nuova pavimentazione di piazza Libertà è in pietra.

Sulla piazza sono state poi collocate sei panchine in pietra di Comiso con fioriere che sono state donate dall’attuale sindaco Giovanni Caruso. Una scelta questa che è stata fortemente contestata dai gruppi di opposizione, soprattutto perchè la scritta con il nome del primo cittadino è apparsa, ad alcuni, troppo «visibile».

La piazza Regina Margherita è stata inaugurata domenica sera. Molta folla, pubblico delle grandi occasioni, un clima di festa. Ad allietare la serata un ospite d’eccezione, Francesco Cafiso che, pur impegnato in vari appuntamenti di caratura mondiale, volentieri non si sottrae a momenti ed appuntamenti con la terra iblea.

Cafiso era accompagnato da Dino Rubino, Giovanni Mazzarino e Nello Toscano. La serata, dopo il discorso del sindaco, Giovanni Caruso, è stata completata da uno spettacolo piromusicale che si è svolto nello spiazzo antistante il castello di Biscari che ha fatto da proscenio ai fuochi pirotecnici che hanno allietato e impreziosito la manifestazione.