Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 659
ACATE - 26/01/2009
Attualità - Acate - Insorgono i sei congilieri della lista «Raffo sindaco»

Acate: strade Ko. Palio a rischio?

Suggerito il divieto di transito lungo corso Indipendenza
fino a quando non saranno stati riparati i tratti danneggiati
Foto Corrierediragusa.it

Le strade di Acate in pessime condizioni. Un problema condiviso, di questi tempi, con molte altre realtà provinciali, perchè le pioggie hanno messo a dura prova il manto stradale e evidenziato pecche, anche nella realizzazione di alcune opere pubbliche. Accade anche ad Acate, ma qui c’è anche una particolarità. Per evitare rischi e prevenire gli incidenti, il sindaco, il mese scorso, ha deciso, con una determina, il limite di velocità in tutto il centro abitato a 30 ko orari. Ma non basta.

«E’ trascorso oltre un mese – affermano i consiglieri comunali di minoranza, Giampippo Busacca, Giuseppe Monello, Giovanni Campagnolo, Eliseo Campagnolo, Eliseo Fidone Gianfranco, Giuseppe di Natale - ma nulla è migliorato, anzi tutto si è aggravato peggiorando. Si voleva salvaguardare il patrimonio comunale, che invece è danneggiato a causa dell’incuria e della mancata manutenzione». Versa in pessime condizioni soprattutto il corso Indipendenza. «Il «salotto buono» di Acate è danneggiato. E’ difficile transitare, ma anche passeggiare. Dove sono finiti i buoni propositi della campagna elettorale «rinascita, crescita, evoluzione, sviluppo".

I sei consiglieri, eletti nella lista «Raffo sindaco» suggeriscono addirittura di vietare del tutto il traffico veicolare lungo il corso Indipendenza fino a quando non si sarà provveduto a riparare tutti i tratti danneggiati. «Si avvicina anche la festa di San Vincenzo. Se dovesse perdurare lo stato attuale, si potrebbe vedere compromessa la realizzazione dello storico «palio» di San Vincenzo.

(Immagine di repertorio)