Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 817
ACATE - 08/09/2013
Attualità - La cittadina ha reso omaggio al suo figlio più illustre

Un museo al castello per il tenore Licitra

Per il tenore si rivelò fatale l’incidente autonomo in moto di due anni fa a Donnalucata
Foto CorrierediRagusa.it

L’indimenticato tenore siciliano Salvatore Licitra ha un posto d’onore nello storico castello dei principi di Biscari di Acate, il paese di cui era originario, dove gli è stato dedicato un museo. E un autentico principe della lirica il Maestro Licitra lo era davvero, prima che quel maledetto incidente autonomo in moto di due anni fa a Donnalucata se lo portasse via, lasciando un vuoto nel mondo della lirica come già accadde con Pavarotti, di cui il maestro Licitra, noto a livello internazionale come il «Tenore dalla voce d’ebano», era ritenuto l’erede naturale. Lla cittadina di Acate ha tributato il doveroso omaggio al suo figlio più illustre, dedicandogli, oltre al museo, anche uno splendido busto che lo ritrae con quel sorriso radioso che lo contraddistingueva, come ricorda commosso il fratello Fabio Licitra che porta al contempo avanti la sua battaglia contro la malasanità, che, a suo dire, ha avuto un peso determinante nella morte del tenore.

Del Maestro Licitra furono donati gli organi, e grazie al fegato continua a vivere il catanese Fortunato Prestipino, presente all´evento di Acate visibilmente commosso, ma felice di vivere. Se il maestro Licitra non c’è più, dunque, la sua voce resta immortale.

Nella foto Luca Licitra accanto al busto del fratello, il Maestro Salvatore Licitra