Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 13 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 23:16
VITTORIA - 27/11/2018
Attualità - La triade prefettizia esorta a non fare sciacallaggio sulla vicenda

Riunione tecnica chiusura teatro Vittoria: prima la sicurezza

Dice il commissario Dispenza: "La decisione è stata decisa a salvaguardia dei cittadini e di chi opera all’interno del teatro" Foto Corrierediragusa.it

Prima la sicurezza, poi la cultura e niente sciacallaggio. La commissione prefettizia ha fatto il punto della situazione a seguito delle precarie condizioni del Teatro Vittoria Colonna, che è stato chiuso con ordinanza a firma dei commissari per le accertate situazioni di pericolo. Il prefetto Filippo Dispensa, a nome della triade commissariale, ha presieduto una riunione tecnica cui hanno partecipato il comandante provinciale dei Vigili del fuoco, il dirigente della Direzione Territorio e Patrimonio, il dirigente della Direzione Cultura, e un funzionario della Soprintendenza ai Beni culturali di Ragusa e i tecnici comunali. Confermata la chiusura del teatro, ma nello stesso tempo la commissione ha dichiarato l’impegno per assicurare con una soluzione alternativa il proseguimento della stagione di prosa già in calendario al teatro «Colonna». Il prefetto Filippo Dispenza lo ha voluto precisare, pur essendo consapevole che anche e soprattutto attraverso la cultura, passa il riscatto di una città, ma ha avuto parole decise verso quanti in questi giorni hanno invocato la riapertura immediata del teatro.

Dice il commissario Dispenza: «La decisione è stata decisa a salvaguardia dei cittadini e di chi opera all´interno del teatro, Predisporremo il progetto esecutivo degli interventi ed una delibera di variazione di bilancio per stanziare le somme necessarie ad effettuare un´indagine conoscitiva che accerti l´entità dei danni riportati dalla struttura e che indichi con esattezza gli interventi da adottare. Peraltro, alcuni tecnici presenti alla riunione hanno affermato che il danneggiamento del tetto non può essere dovuto solo alle infiltrazioni di acqua piovana, altrimenti si sarebbero evidenziate delle chiazze sul soffitto.

Certamente, tra le concause vi è anche la mancata manutenzione della struttura nel corso degli anni. Quindi, verosimilmente, chi aveva il dovere di vigilare sulla sicurezza del teatro non lo ha fatto. Ed oggi qualcuno si permette pure di fare sciacallaggio, speculando sulla nostra decisione di chiudere il «Vittoria Colonna». Nessuna ipotesi si può fare a questo punto sulla riapertura del teatro ma è verosimile che tra la redazione del progetto e l’intervento manutentivo non basteranno di certo alcune settimane. Bisognerà dunque riprogrammare tutte le attività in programma per non penalizzare i cittadini e soprattutto per garantire la sicurezza piena dell’immobile.