Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 14 Agosto 2018 - Aggiornato alle 15:15
VITTORIA - 31/07/2018
Attualità - Depositato il primo stralcio funzionale del progetto

Il raddoppio del lungomare ultimo atto del sindaco decaduto Moscato

"Anche oggi a lavorare per la città - dice l’ex primo cittadino - fino all’ultimo secondo" Foto Corrierediragusa.it

E´ stato depositato il primo stralcio funzionale per il raddoppio del lungomare di Scoglitti: lo rende noto il sindaco di Vittoria Giovanni Moscato, ormai decaduto dopo l´insediamento della triade prefettizia come conseguenza dello scioglimento per mafia dell´ente. «Adesso attendiamo solo il decreto di finanziamento dal parte della Provincia con i fondi ex Insicem e si potrà procedere con la gara - scrive Moscato - visto che appena insediati abbiamo ottenuto la possibilità di modificare il vecchio finanziamento per l´ex zona industriale per il raddoppio del lungomare. Il nuovo progetto, più adatto alle esigenze del territorio e pragmatico, prevede sopratutto un nuovo sistema di raccolta delle acque piovane, una delle criticità prima non affrontate. Ho dato mandato agli uffici di procedere con urgenza per realizzare il bando di gara per un’opera straordinariamente importante e su cui abbiamo scommesso sin dall’inizio, 24 mesi fa. Ringrazio tutti i tecnici che hanno partecipato alla stesura del primo stralcio funzionale esecutivo, che sono tutti tecnici interni del Comune, a dimostrazione del grande lavoro che siamo riusciti a fare in questi anni.

Il raddoppio del lungomare è realtà grazie a noi. I nostri figli e tutti noi potremmo goderci un lungomare moderno, con pista ciclabile e running. Un’opera che darà ancora più impulso alla nostra Scoglitti e alla nostra economia. Anche oggi a lavorare per la città - conclude Moscato - fino all’ultimo secondo».