Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 17 Agosto 2017 - Aggiornato alle 0:20 - Lettori online 347
VITTORIA - 20/01/2017
Attualità - Botta e risposta sul futuro del servizio

"Scintille" a Vittoria sulla raccolta differenziata

Entro un mese si andrà a regime Foto Corrierediragusa.it

Dopo la proroga del 16 gennaio, emanata dal sindaco di Vittoria Giovanni Moscato, per mantenere ancora i cassonetti nelle strade, insorgono i rappresentanti del Pd cittadino. Secondo i consiglieri dem Salvatore Di Falco e Bianca Mascolino infatti, l’ennesima proroga, sarebbe il segnale di un ulteriore ritardo per quanto riguarda la raccolta differenziata, venendo meno alle promesse elettorali. «L’unica cosa fatta – sostengono di Falco e Mascolino - è il regolamento sulla raccolta differenziata, fatto in fretta e furia su pressione dello stesso Sindaco perché da lì a qualche ora il servizio sarebbe partita. «Lavoro e fretta inutile» – concludono i consiglieri dem - visto che i ritardi continuano e i cassonetti continuano ad essere prorogati. La maggioranza però risponde alle critiche, rispedendo ogni accusa al mittente. La differenziata partirà in tempi brevi, assicurano i gruppi consiliari di Se la ami la cambi, Ravvia Vittoria e Sviluppo ibleo: «I contenitori – sottolinenao i consiglieri della maggioranza - per esclusivo merito dell’attuale esecutivo, sono stati già distribuiti alla maggior parte degli esercizi commerciali.

Tra poco, si procederà con analogo sistema per quanto riguarda il kit per le famiglie. E tra non molto il servizio entrerà pienamente a regime. «Il tutto in pochi mesi di attività – fanno notare - quando, invece, la Giunta a guida Pd non ha saputo muoversi nella giusta direzione in dieci anni. «Forse, le stesse critiche – concludono gruppi a sostegno dell’amministrazione, rivolgendosi a Mascolino e Di Falco – avrebbero dovute rivolgerle, qualche mese fa, al loro sindaco, visto che hanno avuto dieci anni di tempo per pianificare tutto e, nonostante questo immane lasso di tempo, non sono riusciti a cavare un ragno dal buco».