Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 23 Agosto 2017 - Aggiornato alle 17:25 - Lettori online 640
VITTORIA - 29/05/2016
Attualità - Nell’auditorium studenti attenti al racconto della sorella del magistrato

Maria Falcone racconta al "Fermi" mafia e poteri forti

A ricordo dell’appuntamento messo a dimora albero nel giardino della scuola, dedicato a Giovanni Falcone Foto Corrierediragusa.it

Maria Falcone (foto), presidente della Fondazione «Giovanni e Francesca Falcone» e sorella del magistrato ucciso a Capaci il 23 maggio 1992, ha parlato ai giovani in uno strapieno auditorium dell’Istituto ‘Fermi’ a chiusura del progetto sulla legalità «Teniamo aperte le finestre della legalità» . Il progetto, promosso dai docenti Francesco Alessi e Francesca Fiandaca, ha interessato gli studenti sui temi della cittadinanza attiva, dell´antimafia e dell´impegno civile. A ricordo dell’appuntamento è stato messo a dimora un nuovo albero nel giardino della scuola, dedicato a Giovanni Falcone, uomo forte e dalla radici solide. Lo ricorda anche il magistrato Leonardo Guarnotta: «L’albero impersona perfettamente lo spirito di Falcone perché lui era robusto e profondo come le radici di un albero». Maria Falcone ha ricordato agli studenti come anche in America il fratello è stato preso a modello di servitore dello Stato. «Gli allievi dell’Accademia della Fbi di Quantico siedono attorno a delle panchine dove campeggia una statua di Giovanni rappresentando per gli americani l’anima delle Istituzioni e l´ alto senso del dovere ed è straordinario che sia proprio un siciliano ad esserlo a paradosso di una Sicilia etichetta e stigmatizzata come terra di mafia e di mafiosi" .

La sorella ha poi rivelato agli studenti in ascolto che il fratello amava in maniera particolare una frase di Kennedy, trovata scritta in un aeroporto. «Occorre compiere sino in fondo il proprio dovere, costi quel che costi, perché nel compimento del dovere sta la radice della dignità umana di ciascuno» e su questi ideali ha improntato la sua vita, pur consapevole che lo avrebbe portato alla morte. «Ma ciò che più teneva e´ che con la sua morte tutto sarebbe finito e che nessuno avrebbe più portato avanti le sue idee. Invece, la sua morte, ha quasi stanato le complici omertà costringendo la gente a schierarsi, o con lui e il suo senso della giustizia e della legge, o con i mafiosi". Ripercorsi dalla sorella del giudice anche " i tremendi e dolorosi undici anni trascorsi alla Procura di Palermo, costretto all´ ostracismo di tanti suoi colleghi e stritolato da una macchina del fango che "faceva dire persino ai palermitani che le sirene della sua scorta ne disturbavano la quiete del sonno".

"Ricordo perfettamente quel periodo, ero appena diventato giudice quando mi trovai a partecipare ad una accalorata assemblea dove la nomina di Falcone al CSM venne bruciata, rimasero a sostenerlo solo i giudici Nicolosi e La Vigna, ed è paradossale che quella stessa assemblea , appresa la notizia della strage, non esitò a manifestare subito un´ " irreale" vicinanza ad un uomo che, forse per invidia o per vigliaccheria, ne aveva cercato di annientare la carriera ma soprattutto l´ alta sua statura morale" ha detto il magistrato Bruno Giordano, attuale consulente della Commissione Giustizia al Senato che, con Eliana Giudice, presidente dell´ associazione Antiracket e Antiusura di Vittoria, ha tenuto agli studenti del «Fermi» un laboratorio sulla Costituzione, ulteriore step del progetto:"Apriamo le finestre alla legalità». La stessa Eliana Giudice presente all´ incontro ha incitato gli studenti a "schierarsi" dalla parte della legalità perché è una partita difficilissima e la mafia è competitiva , perché è piena di soldi proveniente dai traffici sporchi del malaffare della droga e delle armi".