Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 22 Febbraio 2018 - Aggiornato alle 0:42
VITTORIA - 16/08/2014
Attualità - Ecco come si è presentata la spiaggia di Scoglitti a ferragosto

Spiaggia di Scoglitti come una discarica

Scene del genere sentenziano senza appello il fallimento di intere classi politiche, minoranze comprese Foto Corrierediragusa.it

Le tasse dei vittoriesi per pulire i rifiuti lasciati dai forestieri. Il sindaco Giuseppe Nicosia non si stanca di invitare alla «civiltà» la notte di Ferragosto, noi non ci stanchiamo, foto in vista, di mettere in evidenza l’inciviltà che la fa da padrona sugli arenili di Scoglitti il giorno dopo la festa più effimera del calendario (foto). Da Gela a Capo Passero, sarà tutto una pattumiera, d’accordo, ma se Scoglitti dovesse partecipare a un concorso del posto più sporco, concorrerebbe di sicuro per il primo premio! Più che le inutili e demagogiche ordinanze, ci vorrebbe una macchina con l’altoparlante a tutto volume sul lungomare per dire con garbo alla gente: «Siete pregati gentilmente di raccogliere i rifiuti in sacchetti di plastica e di buttarli negli appositi contenitori a voi più vicini ». Un modo elegante ed educato per dire: «Porci, comportatevi come a casa vostra, mica i rifiuti del cibo li buttate sotto il tavolo in attesa che il servo pulisca!?»

Scene del genere sentenziano senza appello il fallimento di intere classi politiche, minoranze comprese. Non si capisce perché questa guerra per le candidature a sindaco se poi non si è in grado di garantire neanche l’ordinaria amministrazione, la gestione ordinata di qualche chilometro di costa. L’abbiamo detto e lo ripetiamo alla noia. Fino a quando questa città continuerà a ospitare gente senza chiedere loro un euro per parcheggi o per fruire delle spiagge, tutti i sabati e le domeniche, sarà un letamaio. Se andiamo a visitare una città del nord ci fanno pagare prima la tassa di soggiorno in albergo e anche l’aria che respiriamo fuori: qui è tutto gratis. Fra questi anche quelli che la notte di Ferragosto vengono a insozzare Scoglitti. Attrazione fatale della valanga umana che proviene dall’entroterra siciliano dove il mare lo vedono una volta all’anno. A Ferragosto, appunto!

Arrivano con ombrelloni, tende e cibo per un paio di giorni. Si piazzano, mangiano, fanno i bisogni fisiologici a mare o sulla spiaggia e se ne vanno lasciando per terra quintali di spazzatura. Tutto lavoro per gli operai della Sap. Immondizia a carico dei contribuenti vittoriesi. Che devono subire anche gli aumenti di aliquote per far fronte ai maggiori carichi di lavoro. Ospiti che vanno via senza aver comprato neanche una bottiglietta d’acqua minerale. Tutt’al più un gelato, ma solo perché non possono portarlo da casa!

Fino a quando dovremo tollerare tutto ciò? Sicuramente fino all’estate 2016, sperando che il prossimo sindaco sia più determinato e decisionista dell’attuale in una città in cui la cultura garantista e comunista (caso anomalo rispetto alle altre città «rosse» del nord Italia) ha educato indigeni e poi forestieri all’anarchia totale in tema di rispetto delle regole, di abusivismo edilizio e pagamento di tasse e tributi. E’ la storia della mia amata città! Che nessuno storca il naso e si scandalizzi, per favore, neanche quelli che oggi si propongono come nuovo sperando che la gente abbia dimenticato responsabilità e orrori di cui si sono macchiati negli ultimi 40 anni.