Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 22 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 16:20 - Lettori online 909
SCICLI - 23/05/2017
Attualità - Il sindaco interviene sulla vicenda per sgomberare i dubbi

Viviana Pitrolo sulla circonvallazione ancora chiusa

Il punto della situazione da parte dell’assessore ai lavori pubblici Foto Corrierediragusa.it

Poiché da più parti si chiede all’amministrazione comunale di conoscere la causa dei ritardi nell’apertura della circonvallazione ovest, prosecuzione di via Noce, interviene sull’argomento l’assessore ai lavori pubblici Viviana Pitrolo (foto) per fare il punto della situazione. «La conclusione dell’opera certamente risente di significativi ritardi - dice la Pitrolo - se si considera che qualcuno, in maniera sprovveduta o peggio strumentale, diceva che era pronta per l’inaugurazione anche nel corso della precedente campagna elettorale per le elezioni comunali. Purtroppo non era e non è così. L’opera in questione costituisce via di fuga in caso di eventi calamitosi e il Comune, confermando il suo prioritario interesse ad arrivare, in tempi rapidi, alla presa in consegna della stessa, ha sollecitato già da più di due mesi il Dipartimento Regionale Protezione Civile, titolare della progettazione e della realizzazione della strada, di concludere le attività di collaudo amministrativo, secondo i termini fissati dal D. Lgs 50/2016, con il rilascio, appunto, del certificato di collaudo, propedeutico alla consegna e all’apertura della strada.

E’ poi il caso di richiamare la necessità che lo stesso Dipartimento proceda, quale ulteriore presupposto alla presa in consegna dell’opera da parte del Comune, al ripristino della gabbionata danneggiata in maniera consistente dagli eventi alluvionali del 22 e 23 gennaio scorsi.
Si ritiene, infine, di rimarcare - conclude l´assessore - con l’auspicio di trovare le idonee soluzioni, il vulnus rappresentato dalla mancanza di illuminazione, mancanza che, nei fatti, intacca negativamente la sicurezza dell’opera».