Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 17 Agosto 2017 - Aggiornato alle 0:20 - Lettori online 327
SCICLI - 28/02/2017
Attualità - Il sindaco ha presieduto un tavolo tecnico con gli enti interessati, servono risorse

Spiagge sciclitane invase da canne, appello alla Regione

Interessati anche i parlamentari iblei, serve un intervento straordinario Foto Corrierediragusa.it

Spiagge invase da tronchi, canne e detriti vari. Il litorale tra Donnalucata e Cava D’Aliga non è fruibile nonostante l’opera di pulizia avviata dal comune e dai privati. Il sindaco Enzo Giannone ha fatto appello alla deputazione regionale iblea perché si faccia carico, presso il Governatore Crocetta e l´assessorato regionale al territorio e ambiente, della emergenza ambientale che dal 22 gennaio ha investito il litorale. Il sindaco ha presieduto una conferenza di servizio cui hanno partecipato gli enti interessati, Genio Civile, l´Asp, l´Arta, l´Arpa, il Libero Consorzio di Ragusa, la protezione civile comunale ed ha annunciato una sua interlocuzione con la Prefettura e la richiesta di un intervento straordinario da parte della Regione Siciliana.

Serve infatti un’opera di pulizia straordinaria di cui il Comune, privo dei mezzi tecnici e finanziari, non può farsi carico. Inoltre il conflitto di competenze tra i vari enti non semplifica la procedura di intervento che è quanto mai opportuno visto che ci si avvia verso la stagione estiva ed esiste comunque un problema di fruibilità e accessibilità alle spiagge legato alla pubblica incolumità. Il sindaco Giannone ha chiesto al Prefetto di indire una conferenza di servizio presso l´ufficio territoriale del Governo e al contempo ai deputati regionali iblei di intervenire presso la Regione perchè prenda coscienza della emergenza in cui versa il territorio.