Euromotor
Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 27 Marzo 2017 - Aggiornato alle 5:59 - Lettori online 961
SCICLI - 10/01/2017
Attualità - Grazie alla donazione di una anonima parrocchiana la statua secentesca ritorna al suo splendore

Scicli, Cristo "entierro" di San Michele restaurato

Progetto realizzato sotto la direzione della Sovrintendenza ai beni culturali e collaborazione Curia di Noto Foto Corrierediragusa.it

Il Cristo «entierro» (foto) della chiesa di S. Michele è stato ricollocato nella sua sede naturale a conclusione dell’opera di restauro durata quasi un mese. E’ stata una serata molto partecipata con le navate affollate da fedeli e pubblico che hanno ascoltato le parole del sovrintendente ai beni culturali, Calogero Rizzuto, di Don Concetto di Pietro, rettore di s. Michele, di Antonella Pancaldo e Alba Paolino, che con l’assistenza di Carmelo Vitale e Simona Criscione hanno restaurato l’opera, e di Paolo Nifosì, che ha tracciato le origini e la storia del Cristo che negli anni è stato assalito da umidità e agenti atmosferici che lo avevano ridotto in uno stato di degrado. E’ rimasta nell’ombra, come da sua volontà, la parrocchiana che ha finanziato il recupero del Cristo definito «entierro», ovvero sepolto –dentro la terra- che veniva portato in processione il Venerdì santo.

In Sicilia altro manufatto con gambe e braccia mobili si trova a Trapani e proprio nel giorno del Venerdì santo si svolge una cerimonia durante la quale il Cristo viene rimosso dall’altare e deposto. L’opera di s. Michele è in cartapesta con un’anima in ferro e l’utilizzo di canapa ricoperta di gesso che rendeva così facile il suo trasporto in processione. La statua è stata riportata oggi al suo splendore grazie all’utilizzo di materiali naturali, a cominciare dalla pittura, il ripristino del movimento delle braccia che la rende così particolare. L’opera è stata datata da Paolo Nifosì tra il 1630 e il 1640 e successivamente finita in una chiesa del 700’. Il Cristo è stato presumibilmente portato in processione per alcuni decenni e poi mai rimosso dall’altare in cui si trova attualmente.