Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 17 Agosto 2017 - Aggiornato alle 0:20 - Lettori online 334
SANTA CROCE CAMERINA - 25/04/2017
Attualità - Ne danno notizia il sindaco Iurato e l’assessore Allù

Sarà abbattuto il serbatoio pensile di Casuzze

Un evento che si attendeva da tempo Foto Corrierediragusa.it

E’ stato aggiudicato a una ditta di Ragusa l’appalto dei lavori di demolizione del serbatoio pensile sito in località Casuzze (foto), contrada Finaiti. Dopo l’espletamento degli adempimenti di rito sarà possibile dare il via anche a questa ulteriore attività che andrà ad eliminare un disagio più volte segnalato dai residenti e dai villeggianti della frazione rivierasca di Santa Croce Camerina, stante la pericolosità del manufatto che, in più di una occasione, è stato messo in sicurezza. «L’unica soluzione – afferma il sindaco Franca Iurato – era quella di provvedere all’abbattimento del serbatoio. Abbiamo espletato le procedure di gara, grazie all’efficienza del nostro personale comunale, con la relativa aggiudicazione. Passerà ancora qualche giorno, necessario per tutte le verifiche, prima che possa essere dato il colpo di piccone iniziale per abbattere quello che, a tutti gli effetti, è un mostro di bruttura che nulla ha a che vedere con il panorama circostante».

Anche l’assessore Giansalvo Allù sottolinea che il percorso avviato pone fine a un’attesa decennale. «Soprattutto i residenti della zona – afferma Allù – non vedevano l’ora che potessero essere avviate le procedure per l’abbattimento del serbatoio. Abbiamo appurato come, nonostante i tentativi di messa in sicurezza avviati nel tempo, la situazione non poteva essere definita tranquilla. Per cui la strada della demolizione era l’unica percorribile. Finalmente siamo al dunque con l’aggiudicazione dell’appalto. Dopo l´abbattimento tutta la piazza potrà essere riqualificata per una fruizione più razionale. Abbiamo dato una riposta importante a tutti i cittadini che gravitano attorno a quella zona, nella parte alta della frazione di Casuzze».