Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 14 Agosto 2018 - Aggiornato alle 15:15
ROMA - 30/07/2018
Attualità - Il mondo del gioco d’azzardo online rischia una rivoluzione

Decreto dignità tra luci e ombre: la posizione di Casino2k.com

L’analisi nella nota di uno dei siti informativi sul mondo del gioco d’azzardo, di casinò online, più conosciuti e frequentati in Italia Foto Corrierediragusa.it

"Il Decreto Dignità rischia di determinare più danni che benefici": questa, sostanzialmente, la posizione di Casino2k.com, uno dei siti informativi sul mondo del gioco d’azzardo, di casinò online, più conosciuti e frequentati in Italia, espressa tramite un comunicato di Agimeg nel quale vengono messi a nudo i numerosi punti deboli del provvedimento legislativo attualmente in fase di discussione.

Casino2k.com, come accennato tra i siti informativi sul mondo del gioco d’azzardo, di casinò online e non solo, ha diramato una lunga e dettagliata nota che riassumiamo di seguito: "Uno degli aspetti chiave della questione - si legge nella nota - è la messa al bando di qualsiasi forma di pubblicità legata al gioco d’azzardo sia sui media tradizionali (radio, tv e carta stampata, quindi), sia sul web. Questo divieto, secondo i promotori del decreto, dovrebbe porre un freno al fenomeno delle ludopatie, ovvero i casi di gioco d’azzardo compulsivo. Pur rispettando le lodevoli intenzioni del decreto, sottolinea che lo stop alla pubblicità rischia di avere vari effetti negativi che, a lungo termine, vanificherebbero tutti gli sforzi rivolti verso la diffusione di atteggiamenti più responsabili nei confronti del gioco d’azzardo. I motivi per cui il decreto viene contestato sono vari.

In primo luogo, esso non tiene conto delle possibili ripercussioni sull’attività di numerose piccole e medie imprese che operano nel settore del gioco d’azzardo: meno pubblicità significherebbe meno fatturato e, conseguentemente, anche una riduzione dei posti di lavoro con notevoli disagi per numerose famiglie. Nell’attuale stesura, inoltre, il decreto finisce per colpire solo chi, come Casino2k.com, si schiera dalla parte dei giocatori contribuendo a diffondere un’informazione sana sul gioco. Non sarà la demonizzazione del gioco d’azzardo a consentire di sconfiggere le ludopatie, mentre è provato che una maggiore ignoranza e una minore consapevolezza sul fenomeno sono le principali cause del suo dilagare. Casino2k.com - prosegue la nota - è da sempre schierato dalla parte del Gioco Responsabile e ha sempre indirizzato gli utenti a giocare solo ed esclusivamente nei siti dotati di regolare autorizzazione Aams, dove gli operatori devono rispettare le norme italiane e supportare il giocatore nella scelta di soluzioni volte a limitare il proprio rapporto col gioco (come Autolimitazione e Autoesclusione). Oltretutto, Casino2k.com invita spesso i giocatori a fare attenzione e a diffidare dalle promesse di vincite facili che, alla fine, si rivelano sempre delle clamorose fregature.

La mancanza di un’adeguata informazione in merito a causa del venir meno dei siti come Casino2k.com, inoltre - aggiunge la nota - rischia di spalancare ai giocatori le porte di siti illegali o comunque con sede all’estero: tra questi si annidano anche casinò truffaldini che non pagano le vincite promesse, che fanno perdere di proposito i giocatori o che non forniscono alcuna garanzia in materia di trattamento dei dati sensibili. Per giunta, trattandosi di siti che spesso hanno i propri server in località esotiche, perseguire gli eventuali responsabili diventa un’impresa piuttosto ardua. Questa situazione era molto comune negli anni passati, quando non era ancora stato ideato il sistema di certificazioni Aams che, in aggiunta, costituisce un sistema efficace (quando applicato correttamente) per impedire ai minori una delle categorie più a rischio di ludopatia, di accedere al gioco d’azzardo.

La scomparsa di siti di informazione sul gioco d’azzardo, priverebbe quindi i giocatori di strumenti fondamentali per individuare un sito affidabile e distinguerlo da uno pericoloso o addirittura illegale. Per questi motivi, casino2k.com propone in alternativa una maggiore regolamentazione del settore, anche e soprattutto in riferimento agli aspetti legati alla pubblicità. Per favorire un maggior controllo, infatti, si potrebbe dar vita a un registro pubblico nel quale le aziende e i siti che trattano l’argomento del gioco d’azzardo debbano essere obbligatoriamente iscritte. Inoltre, le attività di queste imprese verrebbero vincolate al rispetto di una serie di norme individuate da un soggetto esterno e indipendente. Per garantire l’efficacia di queste regole, ogni società dovrà dotarsi di un rappresentante legale che risulterebbe responsabile in via personale di ogni violazione.

Infine - conclude il comunicato - Casino2k ha pensato anche agli aspetti di ordine fiscale e propone un regime di assoluta trasparenza per tutti i soggetti che operano nel settore via internet della pubblicità sul gioco d’azzardo, in modo tale da consentire una tassazione sugli utili determinate da introiti di carattere pubblicitario. Gli aspetti su cui è possibile intervenire, comunque, sono numerosi e Casino2k.com auspica l’instaurazione di un costruttivo dialogo al fine anche di scongiurare un passo indietro dagli effetti potenzialmente disastrosi".