Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 14 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 23:16
RAGUSA - 03/12/2018
Attualità - Sindaci e amministratori si sono presentati all’auditorium della Camera di commercio

"Città Italia" vuole aggregare una nuova area progressista

Il progetto è avvicinare la politica ai bisogni reali e quotidiani dei cittadini Foto Corrierediragusa.it

Una nuova area progressista che parte dagli Iblei. E’ Città Italia che nasce grazie alle adesioni di sindaci, amministratori, iscritti nei partiti del centro sinistra. Dicono i promotori: «Crediamo che lo scambio intergenerazionale sia un valore aggiunto che altre realtà non sono riuscite a cogliere, mettendo al servizio del territorio le nostre storie, esperienze, professionalità e visioni che ci accomunano e ci proiettano verso i medesimi obiettivi». Città Italia si è presentata presso l’auditorium della Camera di commercio, nel corso del quale «amministratori attuali e volti noti con esperienze politiche alle spalle hanno accolto la presenza di giovani amministratori, con idee nuove».

Ad aprire i lavori è stato Giorgio Massari, coordinatore di Ragusa Prossima, il quale ha sottolineato tra le principali motivazioni di Città Italia, la necessità di riempire un vuoto nel centrosinistra ribadendo l’impegno politico come valore. Quintilia Celestri, presidente del Consiglio di Pozzallo, ha parlato della sua esperienza e dell’impegno politico fin qui svolto.
Presenti anche il vicesindaco di Scicli Caterina Riccotti ed il presidente del Consiglio comunale di Scicli Danilo Demaio che hanno invocato un ricambio generazionale della classe politica. Ha inoltre dato il suo contributo l’ex parlamentare e sindaco di Comiso, Pippo Digiacomo, intenzionato a portare nel movimento la sua esperienza e le motivazioni che ne hanno caratterizzato l’impegno politico. Tre i sindaci presenti, Roberto Ammatuna, Sebastiano Gurrieri ed Enzo Giannone tra i promotori e più convinti della nuova esperienza di impegno politico e civile.