Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 19 Novembre 2018 - Aggiornato alle 12:58
RAGUSA - 10/11/2018
Attualità - Altra ondata di maltempo

Nuova bomba d´acqua in territorio ibleo. A Ragusa tombini "impazziti"

Interviene il consigliere di Ragusa Prossima Gianni Iurato Foto Corrierediragusa.it

Nuova bomba d´acqua in territorio ibleo nel primissimo pomeriggio di sabato, come da previsioni meteo: la pioggia è venuta giù in maniera intensa per quasi un´ora. Non si registrano per il momento disagi nelle varie città. A Ragusa, prima del nuovo acquazzone, alcuni tombini "impazziti" hanno cominciato a vomitare liquami sulla strada, con tutte le conseguenze del caso. Gli operai comunali operato in emergenza, ma la situazione va risolta alla radice. «Raccolgo l’Sos che arriva da alcuni residenti della zona Ecce Homo e lo giro all’amministrazione comunale affinché si possa definire una soluzione il prima possibile» dichiara a tal proposito il consigliere di Ragusa Prossima Gianni Iurato. «E’ da quattro-cinque giorni – afferma Iurato – che in via Solferino, proprio a due passi dalla chiesa Ecce Homo, i tombini vedono fuoriuscire liquami maleodoranti (foto). E’ indispensabile igienizzare e trovare delle rapide contromisure e, soprattutto, individuare l’eventuale guasto. Soprattutto è necessario provvedere con una certa rapidità a ripulire in maniera adeguata l’intera area visto che sempre di liquidi maleodoranti stiamo parlando. La zona, tra l’altro, è densamente abitata e, dunque, i fastidi che questo disservizio sta arrecando sono davvero notevoli.

Sono certo che da parte dell’amministrazione comunale ci sarà un rapido intervento finalizzato a mettere la parola fine a questa spiacevole situazione. Intanto segnaliamo il disagio e speriamo che a palazzo dell’Aquila qualcuno prenda a cuore la situazione e - conclude il consigliere - impartisca subito le disposizioni necessarie per arrivare a eliminare del tutto l’anomalia».